Home / Recensioni / Album / America – Thirty Seconds To Mars

America – Thirty Seconds To Mars

recensione_thirtysecondstomars-america_IMG_201804I Thirty Seconds To Mars compiono vent’anni pubblicando l’album America. Il disco, il quinto lavoro in studio per la band dei fratelli Leto, arriva a cinque anni dal loro Love, Lust, Faith + Dreams.
Il cammino musicale intrapreso dalla band americana è ormai chiaro da anni: tolto il primo album, che era un bel concentrato di rock grezzo figlio del grunge, già dal seguente A Beautiful Lie del 2005 abbiamo assistito ad una progressiva introduzione di una componente elettronica che si è fatta sempre più spazio. Nel disco America l’alternative rock rimane come una nota di fondo, sulla quale si fondono ritmi elettronici e molto pop, tanto che non risulta difficile canticchiare i vari brani sin dal primo ascolto.
Walk On Water e Dangerous Night, i primi due singoli estratti, sono i pezzi con cui si apre questo album. Una sorta di dichiarazione di amore/odio per una terra che sa regalare grandi sogni, ma riesce anche a spezzarti le gambe con la stessa facilità. Il sound dei Thirty Seconds To Mars è sempre riconoscibile e sono tanti i riferimenti agli album precedenti che, a un orecchio attento, non possono sfuggire. Pezzi ballabili, che fanno saltare sulla sedia (Love Is Madness, Hail To The Victor), alternati a ballate epiche dove la voce di Jared Leto diventa calda e avvolgente (Live Like A Dream, Great Wild Open). Musiche sontuose, cori gospel a enfatizzare testi che parlano di sogni, di libertà, di lottare per quello in cui credi, avvicendati ad altri cupi come quello del brano Dawn Will Rise con la sua frase ricorrente “I must change or die”. Uno dei brani più intensi dell’album è Remedy, una ballata blues acustica voce e chitarra scritta e interpretata da Shannon Leto, che per una volta ha lasciato da parte la sua batteria. Un brano molto personale e riflessivo, con un testo che parla dell’esorcizzare i propri demoni per cercare di rimediare agli sbagli del passato. L’intensa Rider è la perfetta chiusura di questo album che non può lasciare indifferenti.
America è sicuramente un ottimo disco. Più maturo, intenso e compatto rispetto al precedente, nonostante i Thirty Seconds To Mars abbiano esplorato e sperimentato più generi. Una riflessione sul paese a stelle e strisce estesa a tutto il resto del mondo: viviamo in un’epoca dove regnano il caos e le incertezze, ma dobbiamo cercare la soluzione nella voglia di cambiare, di sognare e non arrendersi, nonostante tutto.

Credits

Label: Interscope Records/Universal – 2018

Line-up: Jared Leto (voce, chitarre) – Shannon Leto (batteria) – Tomo Milicevic (basso, tastiere)

Tracklist:

  1. Walk On Water
  2. Dangerous Night
  3. Rescue Me
  4. One Track Mind (ft. A$AP Rocky)
  5. Monolith
  6. Love Is Madness ( ft. Halsey)
  7. Great Wild Open
  8. Hail To The Victor
  9. Dawn Will Rise
  10. Remedy
  11. Live Like A Dream
  12. Rider

Links: facebook, sito ufficiale

America – streaming

Walk on water – video

Ti potrebbe interessare...

nonsisadovemettersi_cover

Non si sa dove mettersi – FLUXUS

Ci sono band che restano leggendarie anche senza aver mai cavalcato le grandi onde mediatiche. …

Leave a Reply