Home / Recensioni / Album / A Deeper Understanding – The War on Drugs

A Deeper Understanding – The War on Drugs

A-Deeper-Understanding-cover-980x980L’avevano dato per morto ed invece per le strade di Philadelphia il rock è ritornato più profondo che mai. In questo ultimo decennio Adam Granduciel con The war on Drugs e Kurt Veil con il suo progetto solista hanno dimostrato di avere una sensibilità artistica superiore a tutti i loro colleghi americani. Non stiamo parlando di una semplice operazione rock revival anni settanta/ottanta, ma di una ripresa dei dettami rock di maestri del passato come Bruce Springsteen e Tome Petty and the heartbreakers per poi rivesterli di arrangiamenti moderni ai limiti della neo-psichedelia. Perchè A Deeper Understanding è un disco che deve essere ascoltato? Perchè parla del binomio “bellezza e dolore”. Cos’è questo binomio emozionale? E’ la vita. E’ il momento in cui ci sentiamo veramente vivi. Si nasconde in quegli attimi in cui la memoria si incrocia con la bellezza del passato che ci sfiora e ci rende felici e tristi in una manciata di secondi, fottendo il tempo e lo spazio. Ritorniamo in un posto o ritroviamo una vecchia polaroid in fondo ad un cassetto? Ecco che tornano parentesi felici con le persone che ora non ci sono più, ma che poi rivivono nei nostri gesti e modi di pensare quotidiani. Questi fantasmi di bellezza che portano gioia e dolore in nome della memoria. Ogni parola ed ogni nota dell’ultimo disco dei The War on Drugs distilla quest’atmosfera benefica di nostalgia e malinconia, scavando nella solitudine di ogni uno di noi. Lo Springsteen di Born To Run e Human Touch emerge in brani come Holding on, Nothing to find e Up All Night. Intime ballate che ti abbracciano in suadenti folate di armonia e onirica bellezza sono Pain, Thinking of a Place, In chains e Clean leaving, dove si incrociano il Bob Dylan anni ottanta e i Talk Talk  ma anche il migliore Bryan Adams. In A Deeper Understanding c’è un suono incredibile basato su Wurlitzer, tape effects, synth analogici e chitarre 12 corde, tutto ciò che occorre a produrre una densità sonora degna della materia umana che tratta. A Deeper Understanding è un disco che è già un classico. Un ulteriore passo avanti rispetto al precedente ed acclamato capitolo Lost in a dream.

Credits

Label: Atlantic Records – 2017

Line-up: Adam Granduciel (vocals, guitars, harmonica, keyboards, samplers) – David Hartley (bass guitar, electric guitars) – Robbie Bennett (keyboards, piano, guitars) – Charlie Hall (drums, organ) – Jon Natchez (saxophone, keyboards) – Anthony LaMarca (guitar, keyboards).

Tracklist:

01. Up All Night
02. Pain
03. Holding On
04. Strangest Thing
05. Knocked Down
06. Nothing To Find
07. Thinking of a Place
08. In Chains
09. Clean Living
10. You Don’t Have To Go
Link: Sito ufficiale

Album – streaming

Pain – video

Ti potrebbe interessare...

recensione_giuseppefiori-spazidivitascomodi_IMG_201711

Spazi di vita scomodi – Giuseppe Fiori

Giuseppe Fiori esordisce con Spazi di vita scomodi, il suo primo album solista. In realtà …

Leave a Reply