Home / Recensioni / Album / The underside of power – Algiers

The underside of power – Algiers

algiers-undersideDopo la Brexit e Trump, dopo gli effetti devastanti della post-verità, la musica di oggi non può essere solo puro intrattenimento. La musica deve riflettere ed esprimere lo stato storico e psicologico della società contemporanea. La sfida degli Algiers è questa. Al secondo album la band di Atlanta, che conta Matt Tong (l’ex-batterista dei Bloc Party), conferma la sua attitudine a raccontare questi tempi corrotti mantenendo ancora accesa la fiamma di una possibile e necessaria rivoluzione. Descrivere gli Algiers è impresa ardua. Siamo davanti a musicisti che fanno della sperimentazione il loro unico credo. Ecco che gli Algiers possono essere considerati i paladini di un genere definibile come Apocalyptic-soul in trame di combat-gospel. In brani come Walk Like a Panther e Cry of the Martyrs sembra di essere proiettati per le strade di una realtà distopica nel mezzo di una rivolta, la voce di Franklin James Fisher sembra quella di Martin Luther King. Mentre nella title-track c’è l’inciso quasi ballabile in stile Marvin Gaye che non ti aspetti ma che ti uncina senza via di scampo. Si succedono atmosfere cupe mescolando Motown, Afrika Bambaataa, Synth-punk alla Sucide attraversando brani come Cleveland, A murmur. A sign., Animals e The Cycle/The Spiral: Time to Go Down Slowly. C’è spazio per intense piano-ballad come Mme Rieux e Hymn for an Average Man accanto a brani strumentali come Plague Years e Bury Me Standing dove gli Algiers sono tra Vangelis, Burial e Portishead (non a caso il disco è stato prodotto da Adrian Utley). The underside of power è la colonna sonora distopica di questi giorni. Un disco denso di attitudine e sostanza. Sicuramente tra i migliori album di questo 2017.

Credits

Label: Matador records – 2017

Line-up: Franklin James Fisher (lead vocals, backing vocals, guitar, piano, rhodes, cello, drums, percussion, sampling) – Ryan Mahan (bass, synthesisers, piano, backing vocals, percussion, drum programming) – Lee Tesche (guitar, prepared instruments, percussion, loops, backing vocals) – Matt Tong (drums, percussion, backing vocals).

Tracklist:

1. Walk Like a Panther
2. Cry of the Martyrs
3. The Underside of Power
4. Death March
5. A Murmur. A Sign.
6. Mme Rieux
7. Cleveland
8. Animals
9. Plague Years
10. Hymn for an Average Man
11. Bury Me Standing
12. The Cycle/The Spiral: Time to Go Down Slowly
Link: Sito ufficiale

Zama – streaming

Cleveland – video

Ti potrebbe interessare...

recensione_giuseppefiori-spazidivitascomodi_IMG_201711

Spazi di vita scomodi – Giuseppe Fiori

Giuseppe Fiori esordisce con Spazi di vita scomodi, il suo primo album solista. In realtà …

Leave a Reply