Home / Recensioni / Album / The optimist – Anathema

The optimist – Anathema

Anathema-The-Optimist-2017Undicesimo album connesso al sesto. Gli Anathema ritornano con un legame concettuale tra l’album A Fine Day to Exit ed il nuovo The optimist. Dove era finito il protagonista della copertina di  A Fine Day to Exit? In quella foto si intravedeva dal cruscotto di un’auto una spiaggia e dei vestiti sparsi e dismessi sulla sabbia, in prossimità della riva, quasi a sottindere un suicidio nell’oceano in tempesta. In questo disco scopriremo che quel protagonista si è salvato, è l’ottimista che è risalito a bordo di quell’auto e si è rimesso in viaggio su una di quelle autostrade perdute della vita. The optimist parla di questa resurrezione spirituale. I testi sono sempre densi dal punto di vista emozionale, ricchi di interrogativi sull’esistenza. A questo spessore lirico dei temi trattati fa da contraltare sempre un’eccellenza nella scrittura della forma canzone, gli Anathema hanno già valicato le colonne d’Ercole della tradizione progressive negli ultimi dischi. Sono veri maestri dell’orchestrazioni, di uso sapiente dell’elettronica, del field recording e più in genrale di superbi arrangiamenti. Quindi ascoltare un loro concept album è un’immersione cinematografica, riescono a cambiare costantemente le atmosfere in ogni brano, a generare diverse ambientazioni sonore e a non risultare mai monotoni. Sono una vera lezione di come sfruttare le moderne tecnologie per reinventare l’idea di Rock. Sono sempre magiche le performance vocali di Lee Douglas e Vincent Cavanagh. Momenti alti del disco sono la strumentale prog San Francisco, le ballad Close Your Eyes col tema portante basato su piano dal sapore jazzy o Ghosts dall’impeto orchestrale, l’ipnotica elettro-gotica Wildfires e la trascinante prog-pop song Can’t Let Go. The optimist conferma lo stato di grazia dell’ultimo decennio della band di Liverpool. Nel cambiare si rigenera sempre in una veste migliore della precedente.

Credits

Label: Kscope records – 2017

Line-up: Daniel Cavanagh (chitarra) – Vincent Cavanagh (voce e chitarra) – Jamie Cavanagh (basso) – Daniel Cardoso (tastiere) – John Douglas (batteria) – Lee Douglas (voce).

Tracklist:

1. 32.63N 117.14W
2. Leaving It Behind
3. Endless Ways
4. The Optimist
5. San Francisco
6. Springfield
7. Ghosts
8. Can’t Let Go
9. Close Your Eyes
10.Wildfires
11.Back To The Start
Link: Sito ufficiale.

Album – streaming

Ghosts – Video

Ti potrebbe interessare...

SKOM_sei_chi_odi

Chi odi sei – SkoM

Noise rock omerico. Suadente ed oscuro post-punk dalla Magna Grecia. Ester ‘La Cruz’ Santacroce,  Gianluca ‘Graeme’ …

Leave a Reply