Home / Recensioni / Album / King of the minibar – Marti

King of the minibar – Marti

Cover Marti _ King of the minibarE’ mezzanotte. In una strada secondaria del quartiere Wedding di Berlino ci sono ancora delle luci accese alle finestre di un piccolo hotel. Sono dieci finestre illuminate di dieci stanze, di dieci letti sfatti, di dieci vite. Dieci storie di impossibili eroi, che si leccano le ferite nella penombra di un’abat-jour impolverata. Sono personaggi in cerca della giusta inquadratura, dove la vita si confonde con la finzione cinematografica. Tra queste figure potremmo imbatterci in un marito alla deriva in mezzo al mare (Husband lost at sea), in Mr Sophistication (il personaggio del film culto Assassinio di un allibratore cinese di John Cassavetes), in Evatima Tardo, una bellissima donna fachiro resa immune al dolore dal morso di un serpente letale (A cross to be nailed on), nel King of the minibar, il personaggio secondario, l’apparente comparsa nelle nostre vite. Il terzo album di Marti è tutto questo, non è soltanto un disco, ma una serie di cortometraggi, dove la narrazione è quella di una graphic novel disegnata per assurdo da Edward Hopper e che nella realtà è stata realizzata dal fumettista Igort. King of the minibar espande di più la vena orchestrale del precedente lavoro Better mistakes e non dimentica gli uncini melodici del primo disco Unmade beds. Si alternano chiaroscuri di suono denso di raffinati arrangiamenti che attingono dalla new wave al noir passando per le musiche di Kurt Weill (suggestioni si possono intravedere nelle atmosfere di Black waltz). King of the minibar potrebbe essere un disco pensato da David Bowie in collaborazione con Ennio Morricone per realizzare la colonna sonora di un film come The Million dollar hotel di Wim Wenders. C’è tanta Berlino ed amore per la sinergia tra diferrenti forme d’arte, perchè il deus ex-machina del progetto Marti è Andrea Bruschi che non è soltanto un compositore ma anche un attore, un artista a 360°. Che bello ci siano ancora italiani come Andrea, italiani che ci ricordano ancora quale sorgente di creatività artistica possiamo essere.

Credits

Label: Cassavetes connection – 2017

Line-up: Andrea Bruschi (vocals) – Claudia Natili (double bass) – Simone Maggi (accordion, piano, oboe, sax).

Tracklist:

1. King of the minibar
2. You came you hurt
3. Black waltz
4. Vicious Game
5. Offer you a secret
6. Mr Sophistication
7. A cross to be nailed on
8. Husband lost at sea
9. End in tears
10. In my garden
Links:Sito ufficiale

Album – streaming

King of the minibar – Video

Ti potrebbe interessare...

20171123_121405 (4)

Drops – Milorad

“I ricordi battono dentro di me come un secondo cuore” (John Banville). Gocce di note. …

Leave a Reply