Home / Editoriali / BSBE + Mojo Rail Company @ Tutto Molto Bello, LocomotivClub BO, 12/09/2015

BSBE + Mojo Rail Company @ Tutto Molto Bello, LocomotivClub BO, 12/09/2015

livereport_BudSpencerBluesExplosion @ Tutto Molto Bello_ IMG1_201509

Si è concluso anche quest’anno il Tutto Molto Bello, torneo di calcio a cinque tra etichette musicali indipendenti che ha avuto ovviamente i suoi vincitori ed i suoi sconfitti. Una cosa di certo non ha perso affatto, anzi ha stravinto: la musica.
C’è chi ha comprato gli scarpini nuovi, chi ha fatto stampare una bellissima divisa con grafica ad hoc, chi si è depilato le gambe per sembrare di più un calciatore (questo forse no, almeno spero!), ma per quanto quelle 32 squadre abbiano cercato in tutti i modi di atteggiarsi a “calciatori”, il vero obiettivo della due giorni al Parco della DLF è sempre e comunque stato la musica.
La musica univa tutti i presenti, la musica c’era sempre nell’aria, la musica innescava le relazioni tra tutte queste persone. E’ questa la magia del Tutto Molto Bello: centinaia e centinaia di persone riunite in un luogo a fare un po’ finta di non essere lì per quel motivo, godendosi una giornata diversa dalle solite che le avrebbe unite. I musicisti erano fuori dalle beghe della prenotazione della sala prove e la scelta di nuovi pedalini; gli uffici stampa erano lontani dallo stress dei comunicati e delle email da inviare a raffica; gli organizzatori di eventi per due giorni non hanno guardato i calendari per incastrare date nella programmazione autunnale; i semplici appassionati erano rilassati con la birretta in mano, per una volta lontani dall’ansia del biglietto in prevendita e il vinile da autografare. Che mondo magnifico al Tutto Molto Bello!
Gente che corre dietro al pallone, urla, si incazza e gioisce. Gente che mangia tutto ciò che trova di fritto ed unto intorno a sè. Gente che è sempre in coda al banco delle birre. Gente che parla in radio. Gente che prova i vestiti del mercatino vintage. Gente che ha portato i figli a scorazzare ed imparare qualcosa nei laboratori per bambini. Gente che ascolta attenta. Gente che fotografa tutta l’altra gente. Gente che ride, scherza, vive un po’ come sarebbe bello vivere sempre.
Alla fine del torneo, benedetto dal mitico Bruno Pizzul e dedicato al glorioso Giacomo Bulgarelli, ci sono stati anche i vincitori veri: la terza classificata del torneo è stata Trovarobato, seconda La Fabbrica, prima Promoter All Star, squadra che ha potuto alzare al cielo l’ambitissima Coppa Piacentina. Ricchi premi e cotillon per le prime tre; sonore pacche sulle spalle per le altre 29 squadre e tutti a casa. Fine del report.

livereport_BudSpencerBluesExplosion @ Tutto Molto Bello_ IMG2_201509
No. Come si diceva prima, la musica è il collante del Tutto Molto Bello, e la musica c’è stata, viva e vibrante sia nel parco della DLF di fronte alla decadente fontana, sia dentro alle pareti del Locomotiv Club.
Tutto Molto Acustico ha allietato i pomeriggi con diverse situazioni al limite del surreale (Orchestrina di molto agevole) o più raffinate (La Tarma). L’evento musicale principale della due giorni del Tutto Molto Bello ha però preso forma la sera del sabato con il concerto dei Bud Spencer Blues Explosion, freschi freschi di premiazione come Best Live 2015 da parte del circuito dei professionisti del settore musicale Keep On.
Prima di loro, sul palco del Locomotiv, si sono esibiti i Mojo Rail Company. In un set ridotto, presentandosi in duo chitarra acustica e voce, Matteo Palpacelli e Ludovico Cipriani hanno dato sfoggio delle loro capacità da blues band. Un blues semplice, non troppo black, ma comunque efficace, piacevole, capace di evocare atmosfere e miti di riferimento. Le chitarre, pulite e precise viaggiavano come convogli sui binari di una genere che a pezzettini si trova un po’ ovunque ma è difficile assaporare nella sua essenza più sincera, nella sua nudità.
Ultimato il set dei Mojo Rail Company, il palco dei BSBE viene preparato in pochissimo tempo. Adriano Viterbini e Cesare Petulicchio hanno iniziato con una intro che si è legata alle note blues desertiche di Camion. Dopo davvero pochissimo l’aria del Locomotiv si è incendiata. La chitarra di Viterbini è più che uno strumento; sembra un prolungamento naturale del corpo del musicista romano, indispensabile alla sua espressività artistica ed umana. La batteria di Petulicchio è perfetta nel suo essere un fedele amico dello strumento a sei corde, capace sia di seguire quanto di contenere gli assoli e le divagazioni chitarristiche, marchio di fabbrica del duo.

livereport_BudSpencerBluesExplosion @ Tutto Molto Bello_ IMG3_201509
I brani estratti dall’ultimo album BSB3 hanno fatto la parte del leone all’interno della setlist. Mama, Duel, Rubik sono brani veramente perfetti nelle loro miscele di carica esplosiva, melodia, con un’attitudine tra il blues, l’hard rock ed il grunge che è difficile da saldare assieme con così tanta credibilità. Il duo sul palco è magnetico e coinvolgente. La musica arriva alle orecchie passando anche dagli occhi, alla vista di ogni nervo teso, ogni scatto e smorfia, ogni sguardo acceso da una luce primordiale, tanto umana quanto animale.
La schizofrenica Mi sento come se… ha chiuso la prima parte del concerto che poi ha ripreso con l’acidissimo blues di Dark was the night cold was the ground. Il live si è chiuso infine con Miracoli e l’ormai famosissima versione dei BSBE di Hey Boy Hey Girl (Chemical Brothers).
Anche con questo live, uno tra gli ultimissimi del tour, i Bud Spencer Blues Explosion hanno dato una lezione di attitudine e potenza, una sferzata di energia che ha graffiato, squarciato, disintegrato, annientato, e poi ripulito anima e corpo del pubblico il quale ha deciso di farsi attraversare da questo incredibile suono.
Tutto Molto Bello anche quest’anno è riuscito ad unire musica e calcio facendo concentrare a Bologna etichette da tutta Italia. Ha fatto centro con un’iniziativa unica nel suo genere condita con tanti piccoli e grandi eventi che poi sono riusciti a diventare la colonna portante di tutta l’iniziativa. Dal cibo ai concerti, dai mercatini ai laboratori per bambini, dagli incontri letterari ai Salvaciclisti… alla fine ancora una volta aveva ragione Bruno Pizzul: “tutto molto bello!”.

Gallery fotografica di Emanuele Gessi

Ti potrebbe interessare...

marlene kuntz_Napoli020919

Resistenza illuminata e poetica: Marlene Kuntz @Piazza del Plebiscito (NA) 27/09/2019

Foto di Carmen Sigillo 27 Settembre. Alle spalle l’Equinozio d’Autunno, narcisi neri raccolti per rarità …

Leave a Reply