Home / Recensioni / Album / Depression Cherry – Beach House

Depression Cherry – Beach House

recensione_beachhouse-depressioncherry_IMG_201509Sono tornati. Alex Scally e Victoria Legrand, in arte Beach House. Sono tornati e con loro è tornata la musica fatta della stessa materia dei sogni, che ha il sapore della familiarità, di quella staccionata bianca che circonda la casa a due passi dal mare. Il 28 Agosto scorso i Beach House hanno presentato il loro quinto album in studio dal titolo, abbastanza insolito, Depression Cherry. Un album che, come i precedenti, si nutre di immagini oniriche, di cartoline senza una precisa collocazione fisica e temporale, di una malinconia di fondo per quello che non c’è e in cui, paradossalmente, è piacevole crogiolarsi. Sul velluto rosso di Depression Cherry a sfilare sono quegli stessi attori che, nel corso degli anni, hanno portato al successo il duo di Baltimora. A cominciare dalla voce della Legrand, ammaliante sirena di noi erranti Ulisse del terzo millennio, ma anche eco e riverberi, loop ipnotici, la drum machine in punta di piedi e la chitarra di Scally che procede senza esplodere, tranne in alcuni momenti come Sparks e la coda strumentale di PPP.
Ci eravamo lasciati con lo strange paradise di Irene in Bloom (Sub Pop Records – 2012) e ci ritroviamo in a place…where the unknown will surround you, un posto forse reale o forse no descritto nel brano di apertura Levitation. La chiusura del disco è affidata alla purezza in slow motion di Days of Candy, traccia che rappresenta sicuramente il punto più alto del non senso, dell’immaterialità.
Con Depression Cherry la coppia Legrand-Scally conferma il perfetto stato di grazia mostrato con le opere passate, uno stile unico e vincente che seguita a convincere e a far sognare. Sembrerebbe che i Beach House facciano parte di quei pochissimi eletti che possono permettersi di non cambiare, continuando a stupire senza mai stancare.

Credits

Label: Sub Pop / Bella Union – 2015

Line-up: Victoria Legrand (voce e tastiere) – Alex Scally (chitarra, drum machine, tastiere e cori)

Tracklist:

  1. Levitation
  2. Sparks
  3. Space Song
  4. Beyond Love
  5. 10:37
  6. PPP
  7. Wildflower
  8. Bluebird
  9. Days of Candy

Link: Sito Ufficiale, Facebook

Depression Cherry – streaming

Sparks – video

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply