Home / Recensioni / Album / Apps will grow like feathers – Prizeday

Apps will grow like feathers – Prizeday

recensione_Prizeday-Appswillgrowlikefeathers_IMG_201409Contenuto riassunto: vocalità profonde ed ombrose, come l’elettronica new wave di un paio di decadi fa ed atmosfere sonore di terre d’oltremanica.
Scenario d’ascolto: cielo prepotentemente pumbleo di un agosto scontroso del nostro Bel Paese.
Titolo album ed artista: Apps will grow like feathers, Prizeday.
Recap: i Prizeday nascono a Milano da un progetto di Vittorio Tolomeo (aka Quarry) nel 2011, al quale, dopo un annuncio di ricerca musicisti su un giornale, come le band dei tempi che furono, si aggiungono Charlie Gio Canti, e, dopo una serie di cambiamenti, Francesco Orlandini e Giuseppe Brambilla (cognome che ci conferma la Meneghinità geografica del gruppo).
App will grow like feathers esce in italia su ByeBite dopo una serie di date live nella terra di Albione che hanno avuto approvazioni e riscontro diffuso.
13 tracce in cui il rock abbraccia prepotentemente le sonorità new wave e post punk; si sentono i Depeche Mode, Bowie, i primi U2 e Ian Curtis nelle linee vocali drammaticamente enfatizzate.
Una loop machine ci dà il benvenuto nell’album: War Zone. Le ritmiche sono spiccatamente anni 80, per poi esplodere in una deflagrazione di chitarre elettriche composte segnate di riff graffianti e teatralmente malinconici, come la voce che li guida.
Punk singer for a night in Berlin è una ballad con cui chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare in atmosfere nebbiose e periferiche.
Paradise, in cui le sonorità Brit (leggersi Stone Roses) sono imperanti, chiude l’album con riff ipnotici e mnemonici.
Un album che difficilmente accosteremmo ad artisti nostrani, le influenze d’oltremanica sono davvero complesse e preponderanti. La voce di Quarry probabilmente è il punto cardine di tutto il lavoro che, forse, non riesce del tutto a scostarsi dal déjà vu (o entendu) dei generi a cui si ispira.

Credits

Line-up: Vittorio Tolomeo aka Querry (voce – chitarra)-  Charlie Giò Ciarli (chitarra) – Francesco Orlandini (basso) – Giuseppe Brambilla (percussioni)

Tracklist:

  1. War zone
  2. Cross of summer light
  3. God send us a new Jesus
  4. Civil rights
  5. Punk singer for a night in Berlin
  6. Prism
  7. Be out of this world
  8. Techno hell
  9. We sell the rifles
  10. Fight of flight
  11. I hate X Factor
  12. Psyco electro love
  13. Paradise

Links: Facebook

War zone – video

Apps will grow like feathers – Spotify

 

Ti potrebbe interessare...

UMG album

Mondo e Antimondo – Umberto Maria Giardini

Fuoco e ghiaccio. Coperte calde e venti gelidi. Mondo e antimondo. Dicembre inizia all’insegna della …

Leave a Reply