Home / Recensioni / Album / Uno Bianca – Bologna Violenta

Uno Bianca – Bologna Violenta

Ci sono nomi che i lettori di Losthighways.it conoscono bene perché noi ci affezioniamo ai “nostri” artisti e quando qualcuno ci entra nel cuore cerchiamo di supportarlo al meglio. Bologna Violenta (pseudonimo dietro il quale si nasconde il polistrumentista Nicola Manzan) è uno di questi.
Per chi se lo fosse perso, ricordiamo da dove arriva Bologna Violenta. Nicola Manzan, polistrumentista diplomato in violino, è un nome noto nel panorama italiano (e non) grazie alle sue innumerevoli collaborazioni. Nel 2005 sente l’esigenza di esprimersi in un progetto proprio così nasce Bologna Violenta, one man band votata alla violenza sonora a colpi di grind-core. Lo stesso anno rilascia il primo album, ispirato dai film poliziotteschi degli anni Settanta. A questo seguono
Il Nuovissimo Mondo (2010 – Bar La Muerte), album spirato dai cosiddetti “mondo-movie”, e Utopie e piccole soddisfazioni (2012 – Wallace Records, Dischi Bervisti), composto da ventuno pezzi a metà tra rumore e musica classica. Nell’estate 2013 inizia la scrittura e la registrazione dell’album Uno Bianca, uscito il 24 febbraio 2014 grazie a Woodworm, Wallace Records e Dischi Bervisti. Durante il 2013 Nicola è stato impegnato anche nella realizzazione del primo album dei Menace, progetto fondato da Mitch Harris (Napalm Death, Meathook Seed), prodotto da Russ Russell (Dimmu Borgir, Amorphis, Evile) e che vede anche la partecipazione di Shane Embury (Napalm Death), Derek Roddy (Malevolent Creation, Hate Eternal) e Frederic Leclerq (Dragonforce). Ha collaborato anche con Justin K. Broadrick nell’ultimo album degli Jesu (Everyday I get closer to the light from which I came – Avalanche Recordings) e con Gautier Serre per il prossimo EP di Igorrr. Dal 2006 ad oggi si è esibito in Italia, Francia, Belgio, Olanda, Germania ed Inghilterra (con la partecipazione nel 2012 al Glimps Festival di Gent e nel 2013 all’Eurosonic Noorderslag di Groningen).
Uno Bianca
è un concept album basato sui crimini della banda della Uno Bianca, un gruppo di banditi composto da cinque poliziotti ed un civile, attivo a Bologna e dintorni dal 1987 al 1994 e che ha compiuto più di cento colpi, uccidendo ventiquattro persone e ferendone più di cento.
Ventisette tracce, ventisette date, ventisette luoghi che hanno fatto da scenario ai colpi più efferati messi in atto dai fratelli Savi e dai loro complici. Ascoltare il disco è come assistere ai delitti in diretta. Attraverso danze dell’est (
10 dicembre 1990 – Bologna: assalto campo Rom, 23 dicembre 1990 – Bologna: assalto campo Rom), allarmi (4 gennaio 1991 – Bologna: attacco pattuglia Carabinieri) o il rumore di chiavi che cercano di mettere in moto un auto (3 marzo 1994 – Bologna: rapina banca), Manzan ci descrive i contesti che preparano alle esplosioni di violenza, ascoltate la sua Gibson usata come un kalashnikov! Brani brevi, che suonano come veri e propri assalti a colpi di sonorità estreme e orchestre d’archi a rendere l’atmosfera ancora più drammatica. Il tutto fa di Uno Bianca un disco oscuro, inquietante, dove le campane risuonano a ricordarci le vittime di tanta violenza. Il disco poi si conclude con un brano affidato al violino di Manzan (29 marzo 1998 – Rimini: suicidio Giuliano Savi) dove l’irruenza lascia spazio al ricordo di un padre che si è tolto la vita schiacciato dalla vergogna.
Come al solito, Manzan non fa sconti a nessuno:
Uno Bianca è un album di quelli che ti arrivano dritti in faccia. Un destro ben assestato e che ravviva la memoria ad una società che spesso tende a dimenticare pagine di storia scomode.

Credits

Label: Dischi Bervisti, Woodworm, Wallace Records – 2014

Line-up: Nicola Manzan

Tracklist:

  1. 19 giugno 1987 – Pesaro: rapina casello A-14
  2. 31 agosto 1987 – San Lazzaro di Savena (Bo): rapina casello A-14
  3. 3 ottobre 1987 – Cesena: tentata estorsione
  4. 30 gennaio 1988 – Rimini: rapina supermercato Coop
  5. 19 febbraio 1988 – Casalecchio di Reno (Bo): rapina supermercato Coop
  6. 20 aprile 1988 – Castelmaggiore (Bo): attacco pattuglia Carabinieri
  7. 19 settembre 1988 – Forlì: rapina supermercato Coop
  8. 26 giugno 1989 – Bologna: rapina supermercato Coop
  9. 15 gennaio 1990 – Bologna: rapina ufficio postale
  10. 6 ottobre 1990 – Bologna: rapina tabaccheria
  11. 10 dicembre 1990 – Bologna: assalto campo Rom
  12. 22 dicembre 1990 – Bologna: attacco lavavetri extracomunitari
  13. 23 dicembre 1990 – Bologna: assalto campo Rom
  14. 27 dicembre 1990 – Castelmaggiore (Bo): rapina distributore
  15. 4 gennaio 1991 – Bologna: attacco pattuglia Carabinieri
  16. 20 aprile 1991 – Bologna: rapina distributore
  17. 30 aprile 1991 – Rimini: attacco pattuglia Carabinieri
  18. 2 maggio 1991 – Bologna: rapina armeria Volturno
  19. 19 giugno 1991 – Cesena: rapina distributore
  20. 18 agosto 1991 – San Mauro a Mare (Fc): agguato auto senegalesi
  21. 28 agosto 1991 – Gradara (Ps): scontro a fuoco con due poliziotti
  22. 24 febbraio 1993 – Zola Predosa (Bo): rapina banca
  23. 7 ottobre 1993 – Riale (Bo): rapina banca
  24. 3 marzo 1994 – Bologna: rapina banca
  25. 24 maggio 1994 – Pesaro: rapina banca
  26. 21 ottobre 1994 – Bologna: rapina banca
  27. 29 marzo 1998 – Rimini: suicidio Giuliano Savi

Links: Sito ufficiale; Facebook

<

Uno Bianca – Preview

Ti potrebbe interessare...

FINAL COVER DRAFT1

Why Hasn’t Everything Already Disappeared? – Deerhunter

‘Why make this album in an era when attention spans have been reduced to next …

Leave a Reply