Home / Recensioni / Album / Quattro – Underfloor

Quattro – Underfloor

Quattro come i componenti dell’attuale formazione del gruppo e quattro come i dischi fin qui prodotti. Gli Underfloor nascono a Firenze nel 2003 ed esordiscono con il primo album omonimo l’anno successivo. Il disco viene definito come “alternative rock con forti venature psichedeliche”. Da allora molte cose sono cambiate, a partire dalla formazione che ha visto uscire il cantante e chitarrista Matteo Urro, ma soprattutto oggi gli Underfloor rappresentano qualcosa di difficilmente classificabile nel nostro panorama musicale. Se dovessi inquadrarli in un genere non ci riuscirei. Recuperano sicuramente il mondo cantautorale italiano, i testi sono tutti nella nostra lingua madre pur presentando talvolta titoli in inglese. Ma musicalmente non si avvicinano affatto alla tradizione nostrana. Hanno conservato forti riferimenti al rock alternativo che però sono colorati dalla presenza costante della viola. Le loro melodie sembrano nutrirsi di improvvisazione, come se esse fossero nate seguendo una traccia musicale e testuale iniziale per poi lasciarsi andare a quello che veniva fuori suonando in un gioco tra i quattro membri della band. Questa è l’impressione che si ha ascoltando Stomp e Indian Song, con il loro sound jazz. Entrambi i brani sembrano quasi prolungarsi in maniera istintiva, non preordinata, come se venissero fuori naturalmente e in quel preciso momento. C’è spazio anche per melodie più tradizionali come Don’t mind, a cui la viola regala un’incredibile dolcezza, e per le reminiscenze psichedeliche di Solaris.
Quello degli Underfloor è un progetto originale e interessante che può trovare ampi spazi di espressività dal vivo.

Credits

Label: Suburban Sky – 2013

Line-up: Guido Melis(voce e basso elettrico) – Marco Superti (chitarra elettrica ed acustica) – Giulia Nuti (Viola e tastiere) –Lorenzo Desiati (Batteria)

Tracklist:

  1. Come un gioco
  2. Don’t mind
  3. Indian Song
  4. Lei non sa
  5. Linea di confine
  6. Solaris
  7. Intorno a me
  8. Stomp
  9. L’uomo dei palloni
  10. Sul fondo

Links:Facebook

Ti potrebbe interessare...

theyesandeye-57e96da81457e

Theyesandeye – Lou Rhodes

Spogliata di silicio. Rivestita appena di foglie e corteccia d’albero. Ritorna una delle voci più …

Leave a Reply