Home / Recensioni / Album / s/t – Oslo Tapes

s/t – Oslo Tapes

Plumbeo all’ascolto primo, ma non stride. Disegna panoramiche dall’alto: è il lavoro del nuovo progetto Oslo Tapes, in arrivo a marzo 2013 sotto l’egida della DeAmbula Records. Ideato da Marco Campitelli (The Marigold) e  reso atto insieme ad Amaury Cambuzat (Ulan Bator e Faust), con l’apporto, inoltre, di musicisti del calibro di Nicola Manzan (Bologna Violenta) e Gioele Valenti (Herself). “Nevica noia” là sotto, tra grigiori dell’inverno musicati da una chitarra che arpeggia in Distanze. I testi aprono voragini di spazi infiniti e, allo stesso tempo, si seguono i palpiti sotto la superficie, molto sotto la pelle. Alghe, primo brano, apre con dissonanze ed un basso  gravoso. È un ritmo lento, una marcia di “giorni stanchi”. Cupezza dell’atmosfera che incombe in Attraversando: nessun cielo sereno a rasserenare. E si perde l’orientamento in Nove illusioni, si cade sempre più giù nel vortice di chitarre glaciali mentre la batteria scandisce un tempo inesorabile verso la presa di coscienza dell’irreale. Tremo è un altro brano che descrive questa sensazione di languore da sospensione da terra. Incertezza in vagiti di chitarre e ossessione in un gong che ripete le sue parole mute. I piedi sulla terraferma non si arriva a metterli mai, neanche alla fine del disco. L’ascolto rimane imbrigliato nei tremori delle melodie e nelle confessioni sussurrate/parlate del cantante. Lunga ballata, Crux Privèe, che chiude il disco in una lisergica, ultima, virata. Musica per spaziare, barcollare e tornare ancora più in fondo a se stessi.

Credits

Label: DeAmbula Records, Dischi Bervisti, Acid Cobra, Overdrive, Atelier Sonique e Dreaming Gorilla – 2013

Line-up: Marco Campitelli (vox, guitar, 6 string bass, organ, synth, bass, bass pedal, organ, drums) – Amaury Cambuzat (guitar, vox, organ, bass pedal organ, 6 string bass) – Nicola Manzan (violin, electric piano, guitar) – Francesco D’Elia (violin) – Irene Antonelli (vocals) – Mauro Spada (bass) – Gioele Valenti –(guitar) – Ferruccio Persichini (guitar, noises) – Andrea Angelucci – (guitar) – Stefano Venturini (guitar/back vox) – Alessia Castellano (cello) – Luca Di Bucchianico (bass) – Valerio Anichini (drums) – Matteo Giancristofaro (drums). Registrato da Marco Campitelli & Amaury Cambuzat fra l’Italia e la Francia. Musiche Oslo Tapes – Parole Marco Campitelli. Produzione Artistica + missaggio Amaury Cambuzat

Tracklist:

  1. Alghe
  2. Attraversando
  3. Distanze
  4. Nel Vuoto
  5. Imprinting
  6. Nove Illusioni
  7. Impasse
  8. Marea
  9. Les Elites En Flammes
  10. Elogio
  11. Crocefissione Privée

Links:Facebook

Ti potrebbe interessare...

recensione_ju-summa_IMG_201705

Summa – Jü

Molti la definiscono una band noise-punk, ma a loro in realtà non piace essere etichettati …

Leave a Reply