Home / Recensioni / Album / Tutti usciamo di casa – MasCara

Tutti usciamo di casa – MasCara

Dopo l’ep L’amore e la filosofia (2010), arriva Tutti usciamo di casa, il primo full length dei varesini MasCara. Si tratta di un concept album che vuole tracciare il passaggio dall’età adolescenziale alla maturità, percorso mai facile, fatto di rinunce ed addii, speranze ed entusiasmo, idiosincrasie per ciò che ci sembra vecchio ed insieme l’intuizione che ciò che siamo è dato anche dalle nostre radici. Un disco che diventa il racconto epico di un viaggio verso un nuovo modo di percepire che tiene con sè i ricordi e l’essenza di ciò che si è stati. Un viaggio che inizia nell’urgenza della giovinezza di Dorian (post-modern) e che finisce con L’ultimo viaggio di Argo, mitica nave che ci traghetterà al di là di questo spazio-tempo terreno. Un viaggio fatto di sontuosi arrangiamenti tra musiche enfatiche e atmosfere dark in cui si ergono testi ricercati, trama portante di un album che colpisce dal primo ascolto per la sua identità marcata, nonostante i richiami a gruppi nostrani come i Diaframma, i primi Litfiba e gli Scisma e a gruppi internazionali come gli Editors e i Cure. Un lavoro di qualità da ascoltare attentamente e che pone i Mascara in piena luce nella nuova scena indie italiana.

Credits

Label: Eclectic Circus – 2012

Line-up: Luca Antonio Fusaro (voce e chitarra) – Claudio Piperissa (chitarra) – Marco Piscitiello (basso) – Simone Scardoni (synth, piano rodes, pianoforte, violoncello) – Nicholas Negri (batteria, percussioni)

Tracklist:

  1. Dorian (post-modern parte I)
  2. I giorni di Urano contro
  3. Tutti uscimmo di casa
  4. Da uomo a uomo
  5. La stanza
  6. Di gioia e rivolta
  7. Dorian (post-modern parte II)
  8. Un figlio lo sa
  9. Tempo prendimi per mano
  10. Reprise
  11. L’ ultimo viaggio di Argo

Links:Sito Ufficiale,Facebook

Tutti usciamo di casa – Video

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply