Home / Recensioni / Album / Cuore? – Chichimeca

Cuore? – Chichimeca

Dopo quattro anni dall’ep Luce-Nur i Chichimeca, band sarda, propongono il loro nuovo l’album dal titolo Cuore?. Una domanda che attende risposta per provare a capire se davvero “l’unica rivoluzione possibile parte e finisce nel cuore” come si chiede l’autrice, Claudia Crabuzza, in un’intervista. Rispetto ai precedenti album, questo lavoro si incentra su una coscienza meno collettiva della realtà e più intima regalando piccole storie d’amore, passioni, disincanti, piccole guerre interiori, di assenze, di una “tempesta che sembrava lontana ed è già arrivata” (La Tensione). Il cambio di prospettiva narrativo porta anche le sonorità dell’album a cambiare, meno contaminato dalle melodie sudamericane e afro dei precedenti lavori e suonato nei quattro quarti del rock di matrice europea, asciutto ed indurito. La voce della Crabuzza continua a colpire con la sua suadente forza così come la poetica d’autore dei testi che vogliono parlare “sottovoce” per arrivare autentici a chi ascolta. Un disco delicato che si dipana sul filo rosso dei cuori del book che lo custodisce (cuori e foto di Gianni Nieddu). Undici ritratti di vita quotidiana che cesellano con cura parole e melodie, undici tracce raccontante con la sensibilità e la forza di cui sono capaci solo delle grandi donne . Un album che porta alla mente certi pomeriggi primaverili seduti di fronte al mare con i “piedi appesi ad aspettare che li prenda l’onda” (Un aleph).

Credits

Label: Tàjrà – 2012

Line-up: Claudia Crabuzza (voce) – Fabio Manconi (Pianoforte, fisarmonica e tastiere) – Gianluca Geronimo Gadau (chitarre) – Massimo Canu (basso) – Andrea Lubino (batteria)

Tracklist:

  1. La tensione
  2. Ki
  3. Come la colomba
  4. La mia città
  5. Scorre la strada
  6. Sincera
  7. La tua assenza
  8. Un aleph
  9. Nocturna
  10. Ho lasciato
  11. Qualcosa

Links:Sito Ufficiale,Facebook

Ti potrebbe interessare...

cosmo_ultimafesta

L’ultima festa – Cosmo

“Sento le voci, sì, mi sento chiamare dalle mie fantasie, dal profondo del mare, dalla …

Leave a Reply