Home / Recensioni / Album / March of ghosts – Gazpacho

March of ghosts – Gazpacho

In una notte tra la nebbia della valle incontrerai i differenti volti della memoria, incrocerai una dolce schiera di fantasmi. Le loro storie verranno dal passato e solcheranno la terra della tua anima. Non resterai  indifferente a March of ghosts dei norvegesi Gazpacho.  Sarai coinvolto nelle brevi storie che ti racconteranno: o di un reduce americano della prima guerra mondiale, o dei naufraghi di una nave Marie Celeste, o dei criminali della guerra haitiana, o  del fantasma di uno scrittore inglese accusato di alto tradimento. Questa sorta di Antologia di Spoon River è orchestrata nella maniera unica che contraddistingue da sempre la band norvegese. I chiaroscuri dei loro intarsi melodici sono un mix perfetto di esperienze che vanno dall’art-rock al post-progressive, passando per il folk, la world-music e l’ambient. La musica dei Gazpacho è qualcosa di inclassificabile perchè può suonare diversificata e sbalordire in pochi minuti: se un  minuto prima sembra riferirsi ai primi Muse il minuto dopo sembra ricordare i Porcupine Tree e poi ancora i Marillion ed i Radiohead. L’artwork, basata sulle figure di plastillina del magico e moderno daliliano Antonio Seijas, arrichisce e valorizza in maniera completamente sinestetica questo settimo lavoro dei Gazpacho. Un disco da avere come un libro prezioso.  Musica per chi non si accontenta.

Credits

Label: Kscope Records – 2012

Line-up: Jan Henrik Ohme (voce) – Jon-Arne Vilbo (chitarre) – Thomas Andersen (tastiere) – Mikael Krømer (violino) – Lars Erik Asp (batteria) – Kristian Torp (basso).

Tracklist:

    1. Monument
    2. Hell Freezes Over I
    3. Hell Freezes Over II
    4. Black Lily
    5. Gold Star
    6. Hell Freezes Over III
    7. Mary Celeste
    8. What Did I Do?
    9. Golem
    10. The Dumb
    11. Hell Freezes Over IV

Links:Sito Ufficiale,Facebook

Black Lily

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply