Home / Recensioni / Album / s/t – James Blake

s/t – James Blake

Prendere una canzone, la forma canzone, destrutturarla e darle nuova forma e senso. Questo è ciò che fa James Blake recuperando un pezzo di Feist, Limit to your Love, e incastonandolo al centro di questo suo primo lavoro: una gemma particolarmente splendente ma di certo non l’unica. E se il procedimento adottato dal giovane artista britannico appare più evidente in questo caso, laddove è proprio il confronto con l’originale che ci permette di assaporare gli scarti e le scelte operate, esso si ripresenta in tutte le undici tracce del disco. Una “fusione a freddo” che si serve di diversi strumenti, la sincope del dubstep, le tonalità blue del gospel, l’ecolalia dell’elettronica, dando ora risultati più melodici, come la già citata cover o The Wilhelm Scream, ora più dissonanti, come Unluck e I mind: in ogni caso, protagonista è la voce di questo “sbarbatello” ventunenne che riesce a penetrare anche nel più metallico degli strumenti, quasi insufflando a ogni pezzo la propria anima. L’impressione è che James Blake abbia trovato al primo colpo la giusta misura, e con un pezzo che s’intitola Measurements non a caso si chiude il disco. Possiede la capacità di dosare gli elementi, quasi un sesto senso nel saper virare tonalità laddove necessario.
Il mio consiglio è quello di ascoltare queste piccole gemme in sequenza, dalla 1 alla 11, seguendo l’andamento non lineare e zigzagante, lasciandovi trasportare come da una risacca del moto ondoso, come dalla sequenza grafica di un elettrocardiogramma: una piccola scatola d’acciaio che contiene i battiti del cuore.

Credits

Label: Atlas / A&m – 2011

Line-up: James Blake (voce, campionatore, drum machine, sequencer, personal computer)

Tracklist:

  1. Unluck
  2. The Wilhelm Scream
  3. I Never Learnt To Share
  4. Lindisfarne I
  5. Lindisfarne II
  6. Limit To Your Love
  7. Give Me My Month
  8. To Care (Like You)
  9. Why Don’t You Call Me
  10. I Mind
  11. Measurements

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

Copertina-A-Toys-Orchestra-Midnight-Again_2

Midnight Again – …A Toys Orchestra

Siamo intrappolati in un’eterna mezzanotte tra quello che siamo stati oggi e quello che vorremmo …

Leave a Reply