Home / Recensioni / Album / Kalweit and the Spokes – Around the edges

Kalweit and the Spokes – Around the edges

kalweitcoverGeorgeanne Kalweit, nonostante un nome che non nasconde le origini americane, non è nuova al panorama musicale italiano. Molti la ricorderanno come la cantante dei Delta V, i più documentati sapranno anche che, tra tantissime altre collaborazioni, è stata la voce di Medusa Cha Cha Cha di Vinicio Capossela e di Tutta donna dei Calibro 35.
Stiamo parlando di una cantante dalle capacità canore sono molto apprezzate, che fanno di lei un’artista richiestissima. Con questo album, Around the edges, Georgeanne torna in studio ed in tour. I compagni di viaggio che si nascondono sotto il nome “the Spokes” sono Leziero Rescigno (alla batteria già negli Amor Fou e La Crus) e Giovanni Calella (chitarrista, bassista e produttore musicale). L’esperimento del variegato trio tende a riscoprire l’essenzialità della musica, seguendo le tracce folk, country e soul in un’ambientazione post-punk lontane dai suoni più moderni. La lontananza della musica dall’attualità è mitigata da una poetica che nei testi cerca il contatto con il presente, raccontando scenari comuni tra America ed Italia del Sud.
All’interno di Around the edges vive della musica arida e graffiante, che ha il gusto della sabbia e l’odore della polvere di un vecchio cinema abbandonato (respirabile in New York movie e Clara Bow ). Al contrario, in Lulled si può trovare una splendida morbidezza ed in All the gods un pathos degno di Patti Smith. La title-track è probabilmente il brano più essenziale di tutto il disco, principalmente voce e chitarra acustica, impreziosito dall’armonica e dalla profonda interpretazione della Kalweit. Guns are back è invece il brano più diretto e rabbioso, autentico rock capace di incendiarsi come polvere da sparo. A chiudere il disco Curtains part 2 con tutta la sua carica di genuinità blues ci catapulta in strada, tra strumenti poveri, grezzi, ma che sanno emozionare.
L’incontro tra Rescigno, Calella e Kalweit non poteva essere più azzeccato, e la grande esperienza dei tre trasforma un disco d’esordio in un’opera completa. Obiettivo centrato al primo tentativo.

Credits

Label: Irma Records – 2010

Line-up: Georgeanne Kalweit (voce) – Giovanni Calella (guitar e armonica) – Leziero Resigno (batteria e organo). Hanno inoltre partecipato: Gnu Quartet (archi e flauto)

Tracklist:

  1. Curtains
  2. The last sign
  3. Lulled
  4. Ice man
  5. All the gods
  6. Around the edges
  7. The whore
  8. Guns are background
  9. Split us in two
  10. New York movie
  11. Clara Bow
  12. Steep in spleep
  13. Curtains part 2

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …