Home / Recensioni / Album / More than one in number – Une Passante

More than one in number – Une Passante

unepassanteQuante declinazioni può avere la delicatezza? Quanta semplicità può mostrare la ricchezza? Quante variabili possono esserci in una voce? Per avere una risposta a tutte queste domande basta chiedere a Giulia Sarno, meglio nota come Une Passante, o ascoltare questo disco: un incantevole mistura di sapori e note racchiusa in una soffice cornice di fulgida sperimentazione e curiosa aggregazioni di stili. Autrice di ogni suo brano, Une Passante dimostra di calzare alla perfezione la citazione da cui prende nome. La bellezza risalta, gli occhi la colgono e la trattengono per il desiderio di rincontrarla nell’eternità, come vorrebbe Baudelaire. L’ascolto si fa ipnotico e instancabile. Perpetuo nella purezza di un suono che penetra il corpo attraversando i limiti dell’anima. E rimane, ridefinendo nuove forme e nuovi contenitori per la sua arte ad ogni ascolto. Le influenze sono molteplici e si incastrano con grazia in una fusione dalle tinte blues su sfumature jazz. Il tutto rivisitato in una chiave fresca e giovane, sia dal punto di vista della musica sia dal punto di vista della scrittura. Una menzione a parte merita il suo strumento principale: una  voce moderna e flessibile che ben si adatta allo scorrere di ogni brano. Questo disco le appartiene e la riflette, tanto da concederle la leggerezza di una doccia e di un colpo di phon sul finale. Perché d’altronde tutti ci scopriamo cantanti nell’intimità delle pareti di casa, ma solo pochi hanno il dono di potersi mostrare a tutti, anche in questa veste. E tra questi, fortunatamente, c’è anche Une Passante, a ricordarci che dietro un incontro casuale, sfuggente può celarsi ancora nuovo stupore.

Credits

Label: Anna The Granny – 2009

Line-up: Giulia la Passante Sarno (voice, guitar) – Guido Masi (guitar,s banjo) – Sergio Schifano (guitars) – Michele Staino (doublebass) – Simone Sfameli (drums, percussions) – Ruth Skipper (bassoon, kazoo, backing vocals) and Hannah Miller (cello, backing vocals) from the Moulettes, Angela Tomei (violin) – Jacopo Ciani (violin) – Sabrina Giuliani (viola) and Eleonora Piquè (cello), Sara Quiriconi (alto sax) – Selena Marinelli (clarinet) – Andrea Zamponi (trombone) and Andrea Giraldi (clarinet) from Les Camelots – Angelo Sicurella (vocals) – Carlotta Sillano (piano) – Alessandro Giobbi (electric piano) – Alessandro Bosco (tenor sax) – Samuele Cangi (trumpet) – Gianluca Cangemi (organ) – Gianmaria Ciabattari (hammond)

Tracklist:

  1. Wreckage
  2. Leaving
  3. A Une Passante
  4. Emotional Countdown (To The Next Encounter)
  5. Bless
  6. La Triste Histoire De Charlotte Lorraine
  7. Bats Rats And Cats
  8. You Are Music
  9. Thirst
  10. Intimations
  11. Radionoia
  12. Lampshade

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

cover_the-winstons_smith_def

Smith – Winstons

Canterbury, UK, 1969. Le note riverberate di un organo preparato risuonano con assorti esotismi sotto …

Leave a Reply