Home / Recensioni / Album / Apocalypse sets in – Mimes of Wine

Apocalypse sets in – Mimes of Wine

mimesAscoltare un disco a scatola chiusa è sempre una muta scommessa tra se stessi e l’artista. Tra te che ti appresti a capire e lui che si appresta ad esibirsi segretamente per te soltanto. In questo caso una Lei. Laura Loriga. Una e dieci. Tante le tracce di Apocalypse sets in, disco d’esordio dei bolognesi Mimes of Wine. L’approccio per me è teatrale. Con lo stesso potere incatenante di dieci scenografie tanto diverse quanto fluidamente unite fino a scivolare morbidamente l’una dentro l’altra. Dieci volti della stessa voce. Spigolosa e soave, tagliente e dolce. Ad accompagnarla il suo pianoforte incantevole. Centrale, focale, suonato con maestria e regalità. Note jazz su arrangiamenti rock. Istanti blues su costruzioni orchestrali. Un’opera a tutti gli effetti che riesce a fondere la vena romantica delle intenzioni al background gotico di un sentire reale. Tutto è dettaglio. Tutto è ricercatezza profonda e convinta. Un lavoro suggestionante, capace di aprire una porta diversa ad ogni traccia. Prima è un castello del 1600. Poi un salone, di quelli immensi e luminosi. Ora è un tango irresistibile. Ora un piano bar dalle luci soffuse. Il disco giova di un’atmosfera che, pur rinnovandosi di continuo, mantiene costante intensità e intimità specie dal punto di vista comunicativo. Archi, chitarre, trombe e sassofoni non fanno che impreziosire un lavoro notevole. La voce di Laura è un dono di sussurri e aperture sempre concreta e convincente. Un disco da ascoltare, al di là delle mie parole. Al di là dei limiti che la scrittura pone alla fantasia. Agli occhi di chi ascolta il potere di lasciarsi guidare dalla propria immaginazione nella calda e accogliente aria dei Mimes of wine.

Credits

Label: Midfinger Records – 2009

Line-up: Laura Loriga (voice, piano) – Enzo Cimino (drums and sound engineer) – Adriano Modica ( guitar, bass, glockenspiel, steps and little monsters phone voices) – Elisabeth Mc. Dowell (voices in Moth) – Ulisse Mazzagatti (guitars in Oberkampf) – Daniele Calandra (clarinets, trumphet in Moth)

Tracklist:

  1. Julius
  2. K
  3. Bolivar
  4. Gozo
  5. Veronal
  6. Long Lifting Road
  7. Oberkampf
  8. From A Forsaken Bow
  9. Moth
  10. Fishes

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

cover_the-winstons_smith_def

Smith – Winstons

Canterbury, UK, 1969. Le note riverberate di un organo preparato risuonano con assorti esotismi sotto …

Leave a Reply