Home / Editoriali / The dust of the moon – Winter Compilation

The dust of the moon – Winter Compilation

Quanti di noi non alzano più la testa al cielo notturno? Da quanto tempo non osserviamo la luna che è lì ed ogni sera ci spia e ci giudica con i suoi mille volti?
Ecco, tra quei mille volti c’è il suo pianto, quello della neve che imbianca e purifica i nostri cuori malati, quello della polvere di luna. Per sentirci liberi dovremmo pungerci con aghi di pino. Solo così ricorderemmo il tempo perduto nei nostri recinti di asfalto.
Questo è il secondo Natale di LostHighways, all’inizio di quest’avventura (nel settembre 2007) non avremmo mai pensato di arrivare a così tanti incroci da cui imparare e ripartire per scoprire sempre viva e forte la curiosità.
A Natale ci si incontra con vecchi amici ed è un’occasione per tirare le somme dell’anno andato.
E quest’ultimo anno è stato veramente ricco di soddisfazioni per LostHighways.

Se andate nei negozi e siete loro clienti affezionati, insieme allo scontrino vi viene offerto un dono come un calendario, un’agenda, un sacchetto con sponsor… noi non vi presentiamo scontrino, ma vi doniamo la nostra passione! Un’altra nostra compilation dedicata alle stagioni e ad uno specifico genere musicale, come abbiamo fatto in autunno con Chasing shooting stars. La nostra selezione invernale è incentrata su un genere considerato rottame, roba da piccole etichette… le grandi case discografiche oramai si dedicano a prodotti depurati e pastorizzati nella lotta per la sopravvivenza. Per noi questo Natale suona la canzone che resta e nasce folk, che nasce dall’etnia, dalla tradizione di un popolo, che ha bisogno di una chitarra ed una voce. Una canzone che può essere cornice di nostalgia per un anno che passa con qualche compagno di viaggio in meno.

Non vogliamo recensire ogni brano di questa compilation. Desideriamo che la scopriate pezzo per pezzo nel silenzio di una stanza, lontano dal rumore di questi strani giorni. Una sola nota la lanciamo per il primo brano che, a differenza degli altri, non è un promo digitale dell’immenso archivio della IODApromonet ma è un regalo a LostHighways da parte dei Blessed Child Opera. Soldiers and Faith è una ballad semplice che svela una lirica intensa che entra sotto pelle senza bisturi. Che una delle  più emozionanti band indipendenti del momento ci regali un brano di un disco che ha tre mesi di vita ci inorgoglisce e ci dà energia per andare avanti sotto la polvere di luna. Il tutto è impreziosito dai contributi di Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione (titolo e citazione da Il canto della neve silenziosa di Hubert Selby Jr.), Casador – Alessandro Raina (Cristalli di neve e versi tratti da La terza neve di Evgenij Evtusenko), Giulia D’Aprile Albertini (artwork).
Vi lasciamo i nostri auguri per queste feste usando il dialogo che avvenne tra il folksinger Bob Dylan e il manager della Columbia in uno dei momenti decisivi per la storia della Musica di tutti i tempi:

“Mi domandò se avevo mai fatto un altro lavoro e io risposi che ne avevo fatti una dozzina, una volta avevo guidato anche il furgone di un panettiere. Prese nota di tutto e mi chiese se c’era qualcos’altro. Gli dissi che avevo lavorato in un cantiere e lui volle sapere dove:
– A Detroit
– Hai girato molto?
– Eh si!
– Mi chiese della mia famiglia , di dov’erano.Gli dissi che non ne avevo idea, era da parecchio che non c’erano più.
– Ti ricordi di quando stavi con loro?
– Gli dissi che mi avevano cacciato di casa.
– Cosa faceva tuo padre?
– Elettricista
– E tua madre?
– Casalinga.
– Che generi di musica suoni?”
– Musica folk
– Che tipo di musica è la musica folk?
Gli dissi che erano canzoni che la gente si passava di mano in mano. Quell’interrogatorio mi dava sui nervi, per cui decisi di ignorarlo. Billy non sembrava sicuro di sapere chi fossi. Tanto meglio. Non avevo voglia di rispondere alle sue domande, non mi sentivo in dovere di spiegare niente a nessuno.”
(da Chronicles Vol.1 – Bob Dylan)

(Si ringraziano per la collaborazione: Tommaso Cerasuolo e i Perturbazione, Alessandro Raina, Paolo Messere e i Blessed Child Opera, Giulia D’Aprile Albertini, Amalia Dell’Osso)


Link: CD Download

The dust of the moon – Preview (Soldiers and Faith – Blessed Child Opera)

Credits

Contenuti originali di:

Tommaso Cerasuolo – www.myspace.com/perturbazione
The dust of the moon (titolo)
“Una felicità che credeva finita per sempre” (da Il canto della neve silenziosa – Hubert Selby Jr.)

Casador (Alessandro Raina) – www.myspace.com/songsofcasador
Cristalli di neve
Versi (scelti da La terza neve – Evgenij Evtusenko)

Per gentile concessione (in via eccezionale) a LostHighways:
Soldiers and Faith (brano estratto dall’album omonimo) Blessed Child Opera – www.myspace.com/blessedchildopera

Tracklist:

  1. Soldiers and Faith – Blessed Child Opera
  2. I’ll Forget you – Peter Bradley Adams
  3. Sad Song – Adam Faucet
  4. The Little Garden – Erin Bode
  5. To Begin Again – Chris Dorman
  6. The Junction of the Two Rivers – Big Low
  7. Yes I’m Cold – Chris Bathgate
  8. The Liking – Grey Anne
  9. Dark Autumn Hour – Frontier Ruckus
  10. Singing lullabies – Dana Falconberry
  11. Two Trees – Jason Anderson
  12. Tourniquet – Viarosa
  13. They Were Wrong – Matthew Ryan
  14. Lighthouse – Faith Kleppinger

IODA Promonet Link:Sito Ufficiale

Artwork 2008 © Giulia D’Aprile Albertini

Fronte/Retro (clicca sull’immagine per ingrandire)

Interno 1- 2 (clicca sull’immagine per ingrandire)

IODAPROMONET LINK

Music Provided by IODA Promonet

LeavetakingPeter Bradley Adams
“I’ll Forget you”
from “Leavetaking”
(Sarathan Records)

Buy at iTunes Music Store (label link)
More On This Album

Show Me Magic, Show Me OutAdam Faucett
“Sad Song”
from “Show Me Magic, Show Me Out”
(Bluetint Records)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

The Little GardenErin Bode
“The Little Garden”
from “The Little Garden”
(Native Language Music)

Buy at iTunes
More On This Album

To Begin AgainChris Dorman
“To Begin Again”
from “To Begin Again”
(Earthwork Music)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

The Junction of the Two RiversBig Low
“The Junction of the Two Rivers”
from “The Junction of the Two Rivers”
(Smoked Recordings)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

Wait, Skeleton.Chris Bathgate
“Yes I’m Cold”
from “Wait, Skeleton.”
(Quite Scientific Records)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

Facts N FigurinesGrey Anne
“The Liking”
from “Facts N Figurines”
(Greyday Records)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

The Orion SongbookFrontier Ruckus
“Dark Autumn Hour”
from “The Orion Songbook”
(Quite Scientific Records)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

oh skies of greyDana Falconberry
“Singing lullabies”
from “oh skies of grey”
(00:02:59 LLC)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

Life Sucks Love Sucks Dose OutJason Anderson
“Two Trees”
from “Life Sucks Love Sucks Dose Out”
(States Rights Records)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

Send for the SeaViarosa
“Tourniquet”
from “Send for the Sea”
(Tarnished Records)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

Matthew Ryan Vs. The Silver StateMatthew Ryan
“They Were Wrong”
from “Matthew Ryan Vs. The Silver State”
(00:02:59 LLC)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

BoulevardsFaith Kleppinger
“Lighthouse”
from “Boulevards”
(Two Sheds Music)

Buy at Rhapsody
More On This Album

Ti potrebbe interessare...

Flash-Mob-artisti

#senzalamusica, la protesta dei musicisti dalle piazze al Senato

La Festa della Musica quest’anno è stata più che altro un’occasione per ribadire le serie …

Leave a Reply