Home / Recensioni / Free Download / Puntamaistra – Marmaja

Puntamaistra – Marmaja

I Marmaja, la band veneta, vanta un curriculum di tutto rispetto. Nati alla fine degli anni ’80, vincono nel 1994 l’Arezzo Wave nella sezione Nuove Proposte. Il loro primo disco autoprodotto, In tel vento sonà, risale al 1999. Il secondo disco Il metro dell’età è del 2002 e nel 2004 registrano in uno studio professionale e distribuiscono nei negozi di dischi il loro terzo album autoprodotto, Marmaja. Nello stesso anno vincono il Premio Ciampi e suonano per la compilation Mille Papaveri Rossi, il doppio cd che racchiude i brani di Fabrizio De Andrè riproposti da artisti famosi e non. I Marmaja tornano nell’agosto 2007 con il loro quarto album: Puntamaistra. L’album non si trova nei negozi di dischi, ma in download gratuito sul sito della band. Puntamaistra contiene 11 brani che spaziano tra il cantautorato e il reading, i suoni vanno dall’acustico all’elettrico. Insomma 11 brani che vanno ad illuminare il faro di Punta Maistra, 11 brani che sembrano voler disegnare un paesaggio con le sue leggende. Suoni e parole che entrano, colpiscono e rimangono. Un album che dopo il primo ascolto non si molla più. I Marmaja in Puntamaistra ospitano diversi musicisti, compagni d viaggio. Ci sono, infatti, collaborazioni importanti come quella con Claudio Lolli, voce in Bologna e Puntamaistra, con il gruppo vocale Le Bruit, coro in Vuoti e Che io sia e Sandro Severini dei Gang, chitarra elettrica in Come si può. Tradizioni, ricordi e leggende si susseguono nei brani, come in Contadini: “Siamo stati contadini/con la terra tra le mani/a contare le stagioni via dalla città […] Siamo stati due bambini/con la terra tra le mani/e guardar fiorir le rose non ci basta mai”. Oppure le domande che i Marmaja si pongono in Come si può ma “come si può/fermare gli uomini contro e un brivido dentro/ ma come si può/fermare un attimo immenso e viverci dentro/no non si può/avrete rive dentro gli occhi da guardare/e cieli nuovi per volare via/volare via da qui”. Colpiscono le parole del brano Piano piano, ben curato anche nell’arrangiamento… “La libertà/è un amore che non muore/come un bambino/che corre che trema e non vuole dormire mai più/fammi imparare/una storia da poter cantare/che questo sangue su sangue/da sempre e per niente non ferma mai più/piano piano/la vita può scoppiare in mano”. Infine l’album si chiude con Puntamaistra, una sorta di reading dove la voce di Maurizio Zannato in alcuni punti si contrasta con quella di Claudio Lolli e sembrano voler racchiudere in un unico testo quella che è l’essenza di questo album: “L’auto non è delle più recenti/e la strada per Punta Maistra è lunga/sono virgole di terra che prendono amore dall’acqua/una distesa infinita di magnifico nulla […] È un viaggio condito da schiuma/schiuma di birra che passa di mano in mano tra me e i miei compagni/gente che suona dicono/gente che sente prima degli altri se si abbassa la luna/e poi la schiuma del Po che erode gli argini o riposa/ci vuole tempo ed emozione/servono attimi di felicità/ci vuole un treno di passione/servono rabbia ed umiltà/il silenzio del pescatore/e la pazienza dell’immensità […] Ci vuole un canto per la notte/e una coperta per la libertà/il cammino dell’errante/e l’amore per tutto quello che si da/servono muscoli di ferro/e domani/domani non finirà”. Puntamaistra è un album ben curato, anche nella scelta delle collaborazioni. Puntamaistra è un album che con la sua profondità sa entrare nell’anima di chi l’ascolta. Non resta altro da fare che ascoltarlo per capire come i Marmaja sanno emozionare.

Credits

Label: Autoprodotto – 2007

Line-up: Maurizio Zannato (voce) – Cristiano Vincetti (basso, voce) – Antonio Carrara (batteria, voce) – Guido Frezzato (chitarra acustica 12 e 6 corde, flauti, ocarine, sax tenore, ciaramella, mandolino, percussioni, sintetizzatori, voce); Hanno partecipato: Mirco Drago (ghironda) – Riccardo Turcato (sinth) – Andrea Rizzato (chitarra elettrica) – Gianni Chirichella (pianoforte) – Corinne Bassan e Patrizia Zannato (voci, in Agreste) – Claudio Lolli (voce) – Roberto Spremulli (voce antica) – Walter Sigolo (fisarmonica, in Bologna) – Paolo Ambroso (chitarra elettrica e e-bow) – Pierino Marcello (percussioni) – Giovanni Bonfante (guitar loop, in Liberate il Che) – Riccardo Paltanin (violino) – Paolo Ambroso (chitarra elettrica) – Piera Marsili (voce) – Mimì Tirabusciò (voce, in Contadini) – Paolo Bacco (chitarra elettrica) – Lucio Chini (chitarra elettrica) – Piero Marsilio (sax contralto) – Marco Muneratti (armonica) – Le Bruit (coro) – Mister x (voce, in Vuoti) – Sandro Severini (chitarra elettrica, in Come si può) – Marco Muneratti (armonica) – Bruno Crepaldi (chitarra elettrica, in Vorrei) – Mario Frezzato (oboe) – Gianni Chirichella (piano elettrico, in Angeli) – Diego Marcello (voce) – Pierino Marcello (percussioni, in Che io sia) – Riccardo Marchetto (chitarra elettrica) – Paolo Bacco (chitarra elettrica) – Francesco Prendin (chitarra elettrica) – Riccardo Paltanin (violino elettrico) – Walter Sigolo (fisarmonica) – Pierino Marcello (quixa) – Joachim Glasstetter (soundscape, in Puntamaistra); Testi: Maurizio Zannato; Musiche e arrangiamenti: Marmaja; Registrato e mixato da Ottobre 2006 a Luglio 2007 da Mauro Permunian; Editing: Guido Frezzato.

Tracklist:

  1. Agreste
  2. Bologna
  3. Liberate il Che
  4. Contadini
  5. Vuoti
  6. Come si può
  7. Vorrei
  8. Angeli
  9. Piano piano
  10. Che io sia
  11. Puntamaistra

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Puntamaistra – Preview

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply