Home / Editoriali / Via dal pregiudizio, gonfio di violenza/Dalle polveri sottili dell’indifferenza: intervista a Boosta (Subsonica)

Via dal pregiudizio, gonfio di violenza/Dalle polveri sottili dell’indifferenza: intervista a Boosta (Subsonica)

Dopo quasi due anni di silenzio discografico i Subsonica sono ritornati con un album che sa essere una dichiarazione di consapevolezza: L’Eclissi (23 Novembre 2007). Il pensiero, la dimensione intima e relazionale, la storia vengono colti in uno stato di ibernazione. Si annulla l’accadere progressivo. Si vive vorticosamente in un’unica dimensione temporale, quella presente, credendola assoluta, esaltante, appagante. Si smarrisce ogni anelito al futuro. Una nuova era di glaciazione sociale, ideologica, emotiva blocca ogni azione/reazione. A pochi mesi dal lancio del nuovo lavoro in studio e dopo una prima fase del tour nel corso del 2007, la band di Torino è nuovamente immersa in una serie di date in giro per l’Italia. Durante un momento di relativa pausa LostHighways ha avuto il piacere e il privilegio di rivolgere (telefonicamente) qualche domanda a Boosta. (Si ringrazia Paolo Santoro – Casasonica; foto 1 by Federica Di Lorenzo, foto 2 by Serena Remondini).

23 Novembre 2007: i Subsonica sono tornati con un nuovo album, L’Eclissi.
Superfluo dirlo: attesissimi! Il lancio è stato affidato al singolo La glaciazione che condensa il concept dell’intero album: l’ibernazione di un’epoca che non mira al futuro e si piega alla tirannia della mediocrità…
Esatto! E’ un disco con delle tematiche piuttosto cupe, anche se non del tutto disperate per definizione. L’eclissi e la glaciazione sono concetti da interpretare come momenti e preludono ad altro.

Canenero, Alta Velocità, Piombo, Ali scure continuano ad amplificare la prospettiva sulle curve più degradanti della nostra società. Eppure non ci sono accuse, non c’è ipocrita attitudine alla proclamazione di critica politica, semplicemente L’Eclissi è una presa di coscienza… amara…
Sì, si tratta proprio di una presa di coscienza. Noi abbiamo delle nostre posizioni ma non ci permettiamo di mettere i piedi su nessun piedistallo, insomma non ci mettiamo in cattedra perché non è assolutamente il nostro stile. Diciamo che da osservatori e da persone con una coscienza critica è impensabile rimanere indifferenti a quello che vediamo. Stare in mezzo a questo a vita vuol significare essere presenti, volerla vedere da vicino e cercare di raccontarla per come possiamo… quindi da un punto di vista privilegiato.

Alibi, Veleno, Stagno spostano l’attenzione sull’universo dei singoli, verso il mondo interiore. Macrotemi e microtemi…
Sì, sicuramente ci sono due chiavi di lettura. Una è più fruibile rispetto ai macrotemi affrontati nel disco, e riguarda la possibilità di darsi del tempo per raccontare se stessi o il piccolo mondo che ci sta intorno. Sì, ci sono dei microtemi ma che rimangono grandi all’interno di ognuno di noi, la concentrazione su stessi è una boccata di respiro e una possibilità di rigenerazione rispetto ad una mente che soffoca tra quello che vive fuori.

I Subsonica interpretano il nostro tempo con sonorità d’avanguardia: la tecnologia si mescola agli strumenti. Le esperienze nel mondo dell’elettronica negli ultimi due anni in che modo hanno influenzato la struttura degli arrangiamenti?
L’hanno influenzata come negli ultimi anni della nostra carriera ovvero da quando siamo nati. Per noi l’elettronica non è una questione di atteggiamento ma è questione linguistica, proprio un linguaggio che molto spesso di per sé genera melodie e anche i testi sono dettati dalle atmosfere che l’elettronica può regalarci, ci ispira in senso lato!

Quanto il passato degli anni ’90 ha scandito l’estetica sonora de L’Eclissi?
E’ arrivato tutto, soprattutto il meglio di dodici anni insieme. Siamo passati attraverso tante tappe, siamo cresciuti come uomini e come gruppo. Il percorso che abbiamo compiuto si è man mano accumulato nella nostra esperienza personale e di gruppo, ed è confluito ne L’Eclissi.

La prima fase del tour (23 Novembre – 12 Dicembre 2007) ha presentato in medias res il nuovo album. Un palco di dimensioni notevoli, contorsioni di luci in cambiamenti di forme e colori, amplificazione a prova di battiti impazziti. C’è un legame specifico tra la struttura scenica e il concepì de L’Eclissi?
Sì! La struttura scenica è più minimale e riflette il concept dell’album. Non c’è tutto quello che ci si aspetta da un concerto rock classico, il live è colmato da una tecnologia che sa essere molto invasiva e, in alcuni momenti, molto emozionale: permette ai musicisti di giocare su più piani, noi siamo prima davanti, poi siamo nascosti da una gabbia, poi la gabbia sparisce di nuovo… quindi si tratta di una struttura scenica che crea “lo spettacolo” ed aiuta la musica trasformandola anche in un’esperienza visiva.

Siete di nuovo in tour (9 Febbraio – 26 Marzo 2008). Come sta andando? Il 7 Marzo ritornate nella capitale dopo il sold out dello scorso novembre…
Non vediamo l’ora di tornare a Roma. Siamo comunque contenti e scalpitiamo dalla voglia di vivere il tour!

In scaletta, per lo scorso tour, era inclusa Angels (un inedito contenuto in Terrestre live varie altre disfunzioni) . Come mai avete scelto di omaggiare Elliot Smith?
Perché questo fa parte della macroscopica fantasia che abbiamo! Siamo cinque musicisti con cinque diversi retaggi simili ma anche dissimili in molti casi. Elliot Smith è uno dei songwriter preferiti da Samuel che ha deciso di portare all’interno del gruppo quest’esperienza e noi l’abbiamo accettata con grande piacere, dando forma ad una nostra personalissima versione.

Mi racconti un po’ dei video che hanno accompagnato sino ad ora L’Eclissi e… c’è altro in programma?
I video che hanno accompagnato L’Eclissi sono naturalmente, fisiologicamente legati alle tematiche dell’album. Sia La Glaciazione che L’Ultima Risposta sono video scuri, piuttosto inquietanti, caratterizzati da colori lividi proprio per rendere la tensione emotiva che è nei pezzi.
Sì, ci sono altri video in programma! C’è anche una sorpresa che a breve potremo svelare ma adesso mi tocca non dirlo altrimenti mi uccidono!

Voi siete stati dei pionieri per quanto riguarda il mondo della rete. Il sito ufficiale ha un taglio affascinante per le varie sezioni che mirano ad una comunicazione costante, densa. I contenuti sono svariati e alimentano un rapporto biunivoco tra voi e il vostro pubblico. Non è sempre così però… Spesso l’informazione satura anche in rete, no?
Come tutto! La differenza sta nell’uso, nell’attitudine di chi ne usufruisce. E’ una domanda per cui non esiste una risposta assoluta perché la rete ormai fa parte della vita in tutte le sue accezioni. Noi la usiamo come intendevamo farlo, quindi siamo di parere positivo. La tecnologia consente di abbattere una serie di barriere che altrimenti sarebbero demandate a persone e a istituzioni che invece di accelerare una crescita culturale… la rallenterebbero drammaticamente.

Ok, grazie mille!
A te, ci vediamo in tour!

L’ultima risposta – Video



Ti potrebbe interessare...

Flash-Mob-artisti

#senzalamusica, la protesta dei musicisti dalle piazze al Senato

La Festa della Musica quest’anno è stata più che altro un’occasione per ribadire le serie …

Un solo commento

  1. acuta scelta delle domande :) bell’intervista!

Leave a Reply