Home / Recensioni / Album / God is a major – Herself

God is a major – Herself

Sospiri nel tempo. Acustiche linee perse nel tempo. Affondiamo nel molle tempo attraverso la catapecchia dei ricordi. La sperimentazione di suoni ultraterreni accanto a melodie interiori. Il folk di Herself è tributo di pacificazione per l’anima scomparsa troppo presto di Elliot Smith con gli occhi rivolti verso l’eraser Thom Yorke. Hidden è sturm und drang con una semplice chitarra acustica e qualche suono esterno rubato. Waterline è l’onda del destino che si perde nei suoni della natura… il cinguettio può essere più sperimentale di un drone. Day goes by è brivido di rincarnazione… è vita che scorre di nuovo… lo spirito di Smith rivive nei vestiti del palermitano Gioele Valenti alias Herself. Report è ballata che soffoca l’anima, la dilania con il suo ritmo senza sosta. Continuano atmosfere lo-fi che si pensano lontane dalla nostra tradizione ed invece sgorgano dalla terra delle arance. Le emozioni affollano l’anima, ci fermiamo davanti allo zefiro per chiederci dove stiamo andando… quanta magia ascoltando le indimenticabili e delicate July 2, by the lake e Stoned (miglior video al MEI 2007). Stand in a graveyard scandisce il tempo di ieri, un grido strozzato in gola, risate di sottofondo e la mente vola al di là dei muri per dimenticare il cimitero che portiamo dentro oggi. Lo spirito del fanciullino scalcerà ed emergerà in una coltre di nebbia per raggiungere la Perpetual, youth. Domani saremo mare indiavolato a largo, saremo istinto che danza sui brandelli di passate speranze. Emergeremo dal fango con la bocca piena e grideremo To become a trappist/aerolith. La Jestrai dei Verdena produce un potenziale disco da esportazione con grande coraggio e non sbaglia. Herself ha talento da vendere, la sua musica non è costruita, è semplice flusso di coscienza del caleidoscopio dell’anima di chi osserva il mondo oltre la siepe. Non temete, osate e vi libererete nel mondo di Herself.

Credits

Label: Jestrai – 2006

Line-up: Gioele Valenti (vocals, guitars and other sounds).

Tracklist:

  1. 5.38/ dawn in my garden
  2. Hidden
  3. Waterline
  4. Day goes by
  5. Report
  6. July 2, by the lake
  7. Stoned
  8. Stand in a graveyard
  9. Perpetual, youth
  10. To become a trappist/aerolith

Links: Sito Ufficiale, MySpace

Ti potrebbe interessare...

Guarino_rec

Io, Tu e le Altre – Francesco Guarino

Francesco Guarino è un cantautore italiano originario di Sassari ma da diversi anni ormai in …

Leave a Reply