Home / Editoriali / STEVEN WILSON NUOVO ALBUM: THE HARMONY CODEX

STEVEN WILSON NUOVO ALBUM: THE HARMONY CODEX

STEVEN WILSON

THE HARMONY CODEX

IN USCITA IL 29 SETTEMBRE VIA VIRGIN MUSIC
su CD/ 2LP Black/ 2LP Orange / 2LP Coke Bottle Clear /digitale.
Pre-ordina QUI

05-STEVEN WILSON BY HAJO MUELLER

Ascolta il primo singolo ‘Economies of Scale’ QUI
Guarda il video QUI

Did I dream you or are you dreaming me now? As your waking thoughts gradually take over as old dreams are ultimately forgotten and lost…”

THE HARMONY CODEX non è un album come gli altri che ascolterai quest’anno.
Infinitamente affascinante, infinitamente rivelatore, infinitamente bello, THE HARMONY CODEX è il settimo album di uno dei talenti più singolari del Regno Unito.
Ascoltare THE HARMONY CODEX è come perdersi in un disegno di Escher fatto esclusivamente di suoni. Nelle dieci tracce dell’album, Steven Wilson naviga in un groviglio di ricordi e accompagna l’ascoltatore lungo sentieri in cui si allungano le ombre gettate dalla riflessione, dalla meditazione e dal rimpianto.

Questo codice è un vivido arazzo concepito e messo insieme da un artista che lavora da solo in uno studio nel garage di una casa nel nord di Londra, con l’assistenza di musicisti provenienti da tutto il mondo (tra cui partner di lunga data come Ninet Tayeb, Craig Blundell e Adam Holzman, oltre a una serie di nuovi collaboratori come Jack Dangers dei Meat Beat Manifesto e Sam Fogarino degli Interpol). Ogni musicista è stato invitato ad aggiungere la propria impronta individuale al disco. I rullanti, le corde e i suoni campionati che ogni artista ha trasmesso lungo i cavi sono stati intrecciati per creare la musica che dà inizio al viaggio.

Ed è un viaggio. In costante evoluzione nell’arco di 65 minuti, THE HARMONY CODEX inizia con Inclination, un brano costruito sulle fondamenta di un ritmo preciso, meccanico e marziale al tempo stesso. Mentre elementi apparentemente incongrui si sovrappongono, il tutto si dispiega in un vortice di ipnotica anima digitale. Poi il disco sonnecchia su una malinconica brezza acustica (What Life Brings) prima di sgranchirsi con un drumming tribale da far tremare le ossa e una bassline subsonica (Beautiful Scarecrow). Altrove, loop di batteria balbettanti sono saldati a linee di chitarra gotiche e graffianti (Actual Brutal Facts), l’elettronica fragile si apre come il cielo notturno da dietro le nuvole (Economies of Scale) e una miriade di strumenti si esibisce in un’azione di stravolgimento e capovolgimento dei generi per dieci minuti (Impossible Tightrope). Più volte i testi ritornano a quella mappa della memoria e alle sue lunghe ombre.

Sebbene THE HARMONY CODEX strizzi l’occhio ai dischi del recente passato di Steven Wilson, riecheggiando a volte il rimbombo paranoico di Insurgentes del 2008, l’elettronica cristallina di The Future Bites del 2021 e la narrazione di The Raven That Refused To Sing (and Other Stories) del 2013, qui è riuscito a creare qualcosa di completamente unico, un disco che esiste al di fuori della nozione di genere. E sebbene THE HARMONY CODEX sia un album realizzato con l’audio spaziale in mente, non ha bisogno di un sistema audio elaborato per sollevarvi dal corpo: due altoparlanti e una mente aperta andranno benissimo.
Il primo brano tratto dall’album, Economies of Scale, è ora online ovunque e il video di accompagnamento è stato diretto da Charlie Di Placido, responsabile di tutti i video dei Jungle e dei promo degli Everything But The Girl. Guarda il video  QUI.

harmony_codex_cover

THE HARMONY CODEX tracklist:

1 INCLINATION

2 WHAT LIFE BRINGS

3 ECONOMIES OF SCALE

4 IMPOSSIBLE TIGHTROPE

5 ROCK BOTTOM

6 BEAUTIFUL SCARECROW

7 THE HARMONY CODEX

8 TIME IS RUNNING OUT

9  ACTUAL BRUTAL FACTS

10 STAIRCASE

THE HARMONY CODEX è scritto, suonato e prodotto da Steven Wilson.

Steven Wilson è un artista/produttore residente nel nord di Londra. Il suo ultimo album, The Future Bites del 2021, ha raggiunto la posizione #4 in classifica nel Regno Unito ed è stato nominato per due Grammy. Wilson è anche membro fondatore dei Porcupine Tree, il cui ultimo album (Closure/Continuation del 2022) ha raggiunto la posizione #2 in classifica.

Steven Wilson ha anche ricevuto diverse nomination ai Grammy per il suoi lavori di remix di artisti come Chic, King Crimson, ABC, Roxy Music, A Ha, Suede, Tears for Fears e Guns N’ Roses.

Ti potrebbe interessare...

Benvegnù intervista

In fuga dalla carovana dei cortigiani, intervista a Paolo Benvegnù

Le conversazioni, quelle belle. Le occasioni commoventi di incontrare, tangendole, le curve perfette della personalità …

Leave a Reply