Home / News / Giovanni Truppi: Alcune Considerazioni, il nuovo brano

Giovanni Truppi: Alcune Considerazioni, il nuovo brano

GIOVANNI TRUPPI

 ALCUNE CONSIDERAZIONI

 La nuova canzone in uscita venerdì 17 giugno

truppi0622

Giovanni Truppi (c) Mattia Zoppellaro

Alcune Considerazioni è la nuova canzone di Giovanni Truppi, in uscita venerdì 17 giugno. Pre-save: https://truppi.lnk.to/ACS

Un brano che mescola elementi provenienti sia dal rock che dalla musica elettronica e che incarna – ancora una volta – l’anima artisticamente anarchica del cantautore napoletano, capace di spingersi sempre oltre ogni schema prestabilito, costantemente proteso in avanti e in evoluzione.

Alcune Considerazioni è il primo tassello di un nuovo mosaico artistico che Truppi sta delineando, un viaggio musicale che guarda a nuove frontiere e ridefinisce i confini sempre flessibili del suo percorso.

Tutto senza perdere mai i tratti salienti della sua cifra stilistica: la raffinatezza dell’imperfezione, l’intensità della poetica e la cura cesellata di ogni piccolo dettaglio di suono, di testo, di emozione, di vita.

Il brano segna anche l’inizio di un profondo sodalizio artistico con Aldo Giannotti, che firma l’artwork e il video del brano e che curerà la parte visiva di tutti prossimi progetti legati a Giovanni. Nato in Italia ma di stanza a Vienna dal 2000, Giannotti è un artista riconosciuto a livello internazionale che ha esposto in tutta Europa, il cui lavoro indaga costrutti come l’identità personale e culturale, la collettività e i meccanismi del potere, spesso mettendo in scena situazioni che prevedono la partecipazione attiva del visitatore. Spostando e riarrangiando i simboli, sfida il significato di terreni e spazi come nazioni, istituzioni e posizioni individuali.

In Alcune considerazioni ho accumulato, in un flusso di coscienza, una serie di riflessioni e domande molto diverse tra loro. Racconta l’artista. Mi colpisce sempre il fatto che, tra i pensieri che si susseguono mentre ad esempio stiamo facendo una passeggiata, siano mischiati senza soluzione di continuità l’alto e il basso, il drammatico e il comico. Almeno per me è così, e mi piaceva l’idea di descrivere una situazione del genere.

Oltre questa struttura di superficie, nella canzone c’è una tensione di fondo che ha a che fare con il passare del tempo e con la cosa che, in maniera più definitiva di qualsiasi altra, “prenderà, incarterà e trascinerà via” tutti noi: la morte.

Un argomento spesso percepito come inavvicinabile o intoccabile, ma che Giovanni non ha paura di affrontare, così come ha sempre fatto: le sue canzoni guardano la vita negli occhi, la attraversano in ogni suo aspetto.

Alcune Considerazioni è prodotta da Marco Buccelli e Niccolò Contessa. Nonostante entrambi i produttori abbiano lavorato a Tuo padre, mia madre, Lucia, la canzone con cui Giovanni ha partecipato al Festival di Sanremo 2022, questa era la prima volta che ci trovavamo in studio tutti e tre insieme, afferma Truppi. Ci siamo molto divertiti, credo si senta.

Si aggiungono infine nuove date al tour estivo organizzato da Ponderosa Music & Art che porterà Giovanni ad attraversare tutta l’Italia con la sua musica passata, presente e futura e una formazione rinnovata: Alessandro “Asso” Stefana (Vinicio Capossela, PJ Harvey, Guano Padano, Mike Patton) alla chitarra, Fabio Rondanini (Calibro 35) alla batteria e Luca Cavina (Calibro 35) al basso. Appuntamento il 17 giugno al Festival della Lentezza alla Reggia di Colorno (PR), il 18 a Villa Manin a Codroipo (UD), il 24 all’ Artico Festival nei Giardini della Rocca a Bra (CN), il 25  al Cassandra Fest a Monteprandone (AP), il 9 luglio all’Abbazia di Santa Maria di Corazzo a Carlopoli (CZ), il 10 al DlenDlen Festival ad Arsita (TE), il 16 all’Anfiteatro delle Cascine a Firenze, il 19 al Parco delle Caserme Rosse a Bologna, il 20 a Moonland nella Fortezza Firmafede a Sarzana (SP), il 23 al Palazzo Reale Summer Fest a Napoli, il 29 all’Estate in Fortezza ad Arezzo, il 30 a Villa Torlonia a S. Mauro Pascoli (FC), il 31 nel Giardino di Villa Morosini / Tra Ville e Giardini a Polesella (RO), il 6 agosto al Laghetto di Canetra a Castel Sant’angelo (RI), il 25 al Sonika Poietika a Isernia, il 26 a Suoni Controvento a Villa Fabbri a Trevi (PG), il 2 settembre, in collaborazione con la Fondazione Romaeuropa, al Castello di Santa Severa a Santa Marinella (RM) e il 3 al Karel Music Expo di Cagliari.

Per info e biglietti: https://ponderosa.it/artist/giovanni-truppi/

truppo020622

Cover Alcune consideazioni, artwork di Aldo Giannotti

CREDITI

Testo e musica: Giovanni Truppi, Marco Buccelli, Niccolò Contessa

Prodotto da Marco Buccelli e Niccolò Contessa

Mix: Taketo Gohara

Mastering: Giovanni Versari

Giovanni Truppi: voce, piano

Marco Buccelli: batteria, synth

Niccolò Contessa: synth

Giorgio Maria Condemi: chitarra

CREDITI VIDEO

Video: Aldo Giannotti

Post produzione: Viktor Schaider

TESTO

E mi rileggo i libri che ho già letto per capire come sono diventato

quello che sono diventato

se qualche cosa me la sono dimenticata

per andare avanti a volte devo tornare indietro

come le cose che si chiamano Pietro

devo tornare in quel posto segreto dove sono nato

dove tutto è cominciato.

E sembra passato più tempo dal 2007

che dal ‘96

tu di sicuro penserai che è un problema ma per me è tutto ok

mi piace ancora parlare di lei

di come sto usando questa vita

tutta questa vita soltanto per capire chi sono

E hai voglia di cercare le parole giuste

hai voglia di cercare la melodia

a volte basta un niente: anche solo un rumore

non sai mai quando, mai come

la vita ti consegna una poesia.

E sto sempre a pensare ma poi mi sembra sempre che le cose più

importanti

le decido sempre a caso

E pensa tu che tutti quanti pensiamo, stiamo là tutto quanto il

tempo a pensare

chissà se tutti quanti pensiamo le stesse cose che penso anch’io.

Fino a che età scoperemo da vecchi,

se i gatti sono in missione segreta

e se i gabbiani estingueranno i piccioni per poi passare agli uomini

quale il Paese del mondo dove è più intelligente andare prima in

vacanza

prima che ci arrivi qualcuno come noi.

 

E hai voglia di cercare le parole giuste

hai voglia di cercare la melodia

a volte basta un niente: anche solo un rumore

non sai mai quando, mai come

ti eri distratto

e vedi solo la scia.

E c’è qualcosa che mi manca ogni volta che vengo

e non dipende da me e non dipende da te

E con Riccardo eravamo amici, fino a che la cosa non è sfumata

per motivi economici

E c’è qualcosa che mi dice che è meglio se non rispondo al

messaggio

e mi conservo il ricordo di come eri all’università

e ora capisco di più perché i grandi sono così incazzati con i

ragazzi

tanto che non gli dicono mai com’è che va veramente

che basta solo non essere in giro quand’è l’uscita di scuola, basta

soltanto questo

perché soltanto così puoi pensare che intanto il tempo non passa

anche se passa lo stesso.

E mentre stai pensando alle parole giuste

e mentre stai cercando la melodia

arriva con un niente, non fa neanche un rumore

non sai mai quando, mai come

qualcosa viene, ti prende ti incarta, e ti trascina via.

Fonte: Comunicato Stampa

 

Ti potrebbe interessare...

RW / Glintshake, punk russo d’avanguardia contro la guerra

RW / Glintshake, punk russo d’avanguardia contro la guerra

Non è affatto facile nell’attuale disastrosa situazione prendere posizione contro la guerra in Russia, né …

Leave a Reply