Home / Recensioni / Album / s/t – V.Edo

s/t – V.Edo

recensione_V.Edo_IMG_201606Un nuovo e fresco nome si affaccia nel panorama musicale italiano. Lui è Edoardo Vergara, in arte V.Edo, cantautore trentino, che si fa conoscere presentandoci nove tracce che vanno a formare un piccolo gioiello.
L’omonimo disco è uscito lo scorso Aprile per Ponderosa Music & Art, con la produzione artistica di Pasquale De Fina (Volwo, Atleticodefina), anche alle chitarre e alle seconde voci, che grazie alla sua esperienza dà la giusta marcia al talento di Edoardo.
Edo è giovane, ha un temperamento solare, pieno di vita e di curiosità verso il mondo. I viaggi, le esperienze, gli stati d’animo vengono tradotti dal suo sguardo positivo in canzoni, che spesso assumono la forma di deliziose favole (Rosario, Fragalà, Il tuo principe, Gli Elefanti).
Sotto alcuni aspetti potrebbe ricordare Rino Gaetano, ad esempio per i testi ironici e allegri ma mai superficiali; altre volte ancora invece le sonorità di Manu Chao. Ma in realtà su tutto è la totale libertà, sia di scrittura (molto personale) che di generi musicali (c’è pop, rock, blues, folk, jazz, e anche giri di valzer), e da qualunque forma di ispirazione.
Caratteristica è la presenza dei fiati di Roberto Romano, che accompagna ogni atmosfera del disco con grande eleganza.
Primo singolo è la trascinante Solo tu. L’estrema cura di tutto il progetto si vede anche nella realizzazione del video, regia di Francesco Leitner. Appare il Circoluce, opera di un giovane falegname di Torino, Luciano Strasio, due piccoli teatri di marionette montati su una bicicletta, con cui d’estate percorre l’Italia fermandosi nei centri abitati per offrire il suo spettacolo ai bambini. Perfettamente in tema con la giovinezza, il cammino, il clima solare. Girato a Rovereto e dintorni, i luoghi di Edo.
Secondo singolo è Autunno (video di Winston Wad), dove si passa invece ad atmosfere più notturne e sensuali. Con la seconda voce a ripetere “Tutto andrà benissimo”, un mantra.
Lucertole è un’altra chicca di scrittura e di ritmo, che ci verrà spontaneo canticchiare appena svegli: “Com’è triste alzarsi la mattina e andare a caccia di lucertole… Vorrei solamente continuare a dormire, vorrei solamente rimandare rimandare rimandare”.
Tosse, “ho un sacco di buone idee, ho un sacco di tosse”, dal mood provocatorio e ironico.
A chiudere la dolce ballata Tutto è vero.
Edo riesce a distinguersi per un linguaggio originale. Osserva ciò che lo circonda e in maniera del tutto spontanea, che deriva dal naturale talento, ci restituisce immagini nuove. C’è ironia, giochi di parole e tanta poesia. E la sua scrittura è il suo personalissimo marchio di fabbrica.
In questo disco si è avvalso della collaborazione di grandi musicisti, oltre i già citati Pasquale De Fina e Roberto Romano, ci sono Massimiliano Peri alla batteria, e Giorgio Baldi e Davide Prezzo al basso; i mix sono di Taketo Gohara (a lavoro con Vinicio Capossela, tra gli altri).
Insomma, esordio promosso a pieni voti. Edo ha tutte le carte in regola per farsi strada. Teniamolo d’occhio.

Credits

Label: Ponderosa Music & Art – 2016

Line-up: Edoardo Vergara (chitarra e voce) – Pasquale De Fina (chitarra elettrica, seconda voce, produzione artistica) –  Roberto Romano (sassofono, clarinetto, seconda voce, flauto traverso) – Massimiliano Peri (batteria, percussioni) – Giorgio Baldi e Davide Prezzo (basso)

Tracklist:

  1. Rosario
  2. Solo tu
  3. Fragalà
  4. Tosse
  5. Lucertole
  6. Autunno
  7. Il tuo principe
  8. Gli elefanti
  9. Tutto è vero

Link: Facebook

V.Edo – streaming

Autunno – video

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply