Home / Recensioni / Album / s/t – Noon

s/t – Noon

noon_copertina_disco(1)Dolce-amaro questo primo ep dei Noon. Una pellicola srotolata in fretta tra vicoli che sembrano avere la consistenza di sospiri lunghi, a metà tra malinconie e prese di coscienza. Personaggi dai volti più o meno nitidi, come il tempo, come gli sguardi sul futuro. Un rock italianissimo dai testi loquaci, come fiumi in piena, anche formulati con poche strofe. Valdaro è il primo singolo estratto che corre appresso al ricordo di Battisti giocando tra ironia e disfattismi ingenui. Leggeri nelle melodie, solo la voce ogni tanto sottolinea malesseri facendosi più cupa e roca. Cerbero è il classico brano capace di schiudere uno scenario immaginifico nell’ascoltatore ma di non soddisfarlo del tutto. I Noon sono vicini alle ritmiche e melodie dei Radiohead di Pablo Honey ma, per lo più, scelgono di scivolare nel cantautorato italiano che vuole raccontare principalmente con la voce la strada di un paese, di uno stato d’animo, nell’immediato. Chitarre, in coro, immolano la fotografia che scatta il brano Duluth, a conclusione dell’ep.
Un assaggio questo Noon, come un prologo del resto che verrà.

Credits

Label: Distribuzione: MartePress – 2015

Line-up: Lorenzo Forte (voce, chitarra acustica, basso) – Antonio Tunno (chitarra, cori) – Flavio Paglialunga (Batteria, glockenspiel, cori) – Matteo “Bemolle” De Benedittis (piano, moog)

Tracklist:

  1. Valdaro
  2. Scatola #1
  3. Cerbero
  4. Duluth

Link: Soundcloud

Valdaro– Video

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply