Home / Recensioni / Album / VDB23/Nulla è andato perso – Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi

VDB23/Nulla è andato perso – Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi

recensione_maroccolo-rocchi-vdb23_IMG_201502Vdb23/Nulla è andato perso è uscito all’inizio del 2015 ma ha una storia lunga tre anni. Il secondo album solista di Gianni Maroccolo, con la partecipazione di Claudio Rocchi, fu ideato tre anni fa e prevedeva tre CD, un’opera in rappresentazione a Roma, un DVD e un libro con le foto di Alessandro D’Urso finanziato con il crowdfunding su MusicRaiser. La scomparsa di Rocchi ha previsto una riorganizzazione che ha portato alla stampa di un solo cd. Doveva intitolarsi “Vdb32/storie di un suonatore indipendente” dove “Vdb32″ è l’acronimo di via dei Bardi 32, civico in cui iniziò la carriera di Maroccolo e dei Litfiba, ma Rocchi cambiò il 32 con il 23 che nella simbologia dei numeri rappresenta il mutamento. Vdb23/Nulla è andato perso è un album ostico in cui i suoni sono a volte spigolosi, ricercati,  e per i testi di questo lavoro occorre essere particolarmente attenti. E’ un album che non prevede un ascolto distratto, ma richiede impegno e propensione all’ascolto incontaminato dal mondo intorno. Il potere di attrazione per chi predispone se stesso a questo tipo di ascolto è assoluto e di rara bellezza. La sostanza e la forma si uniscono per donare a chi ne partecipa una consapevolezza cinica, dolce, sinuosa e, sopra ogni cosa, carica di luce del viaggio vita e del nostro “essere coscienti semplicemente di essere infiniti, eterni” (Una corsa). Fuori da qualsiasi schema predefinito la musica rock, sperimentale, elettronica, psichedelica, wave tesse geometrie in cui si incastrano parole profonde e una voce intensa. Tutti i testi sono stati scritti da Claudio Rocchi tranne Rinascere hugs, suite composta ed eseguita a più mani: Franco Battiato, Piero Pelù, Cristina Donà, Massimo Zamboni, Cristiano Godano, Emidio Clementi, Ivana Gatti, Monica Matticoli, Alessandra Celletti, Beppe Brotto. Regalatevi del tempo ed immergetevi in questo album, ne riemergerete arricchiti di un bene raro: la bellezza necessaria per prendere coscienza che al di là di qualsiasi credo o ideologia “rinasce chi sa tornare, rinasce chi sa cadere, rinasce chi sa morire, rinasce chi sa cambiare colore” (Rinascere hugs suite)… quasi a toccare l’insondabile.

Credits

Label: Alabianca/Warner – 2015

Line-up: Claudio Rocchi (voce, chitarra acustica e chitarra elettrica) – Gianni Maroccolo (basso, electronics) – Miro Sassolini, Monica Matticoli, Cristina Donà, Franco Battiato, Cristiano Godano, Ivana Gatti, Piero Pelù, Emidio Clementi (voci in Rinascere Hugs Suite) – Massimo Zamboni (voce e chitarra elettrica in Rinascere Hugs Suite) – Ghigo Renzulli (chitarra in La Melodie de Terrance) – Fabio Peri (voce narrante in Rigel & Vdb23) – Beppe Brotto (sitar, esraj in Rinascere Hugs Suite, LD7M (Les Dernierès Sept Minutes de mon Pere) e Rigel & Vdb23) – Alessandra Celletti (pianoforte in Rinascere Hugs Suite e Una Corsa) – Fulvio at Renzi (violino in Una corsa)

Tracklist:

  1. Vdb23
  2. Torna con me
  3. Nulla è andato perso
  4. Rinascere Hugs Suite
  5. La Melodie de Terrence
  6. Tutti gli Uomini – Tutte le Donne
  7. LD7M (Les Dernierès Sept Minutes de mon Pere)
  8. Una Corsa
  9. Rigel & Vdb23

Link: Facebook Gianni Maroccolo, Facebook Claudio Rocchi

Vdb23 / Nulla è andato perso – streaming

Torna con me – video

Ti potrebbe interessare...

cover_vertigo_dasys

Vertigo Days – The Notwist

L’unica certezza è che non abbiamo certezze. Ecco… perchè non prendersi il meglio di questi …

Leave a Reply