Home / Recensioni / Album / That the days go by and never come again – Indigo Mist

That the days go by and never come again – Indigo Mist

That_The_Days_Go_53bfc0785c4cdQuando due continenti collidono per generarne uno nuovo. Quando l’approccio della musica classica si amplifica nei meandri dell’improvissazione jazz e nei labirinti sonici del iPad live programming. Quando un compositore-trombettista come Cuong Vu dalle prestigiose collaborazioni (Bill Frisell, Pat Metheny e Laurie Anderson) si incontra con un compositore elettro-acustico e pianista della scena di musica classica contemporanea come Richard Karpen. Due placche di suono si scontrano in una faglia a New York. Lo strofinarisi di due mondi, quello jazz di Vu e quello più sperimentale della classica di Karpen, può generare tempeste di rumore ordinato come L’heure bleue, Indigo mist e The Electric mist. Questa esplorazione si accentua e costruisce castelli sensoriali incredibili con le invenzioni di musicisti di Ipad live programming come Ivan Arteaga, Shih-Wei Lo, Douglas Niemela e Joshua Parmenter. C’è spazio per diaglohi di tromba e piano da incorniciare come in Charles e Duke. Quest’ultimo brano è chiaramente in onore a quello stesso spirito sperimentale di Duke Ellington che sembra aleggiare in questa magica suite. That the days go by and never come again regala emozioni ed imprevedibilità sonora senza sosta. Per chi si annoia del solito quattro quarti.

Credits

Label: RareNoise Records – 2014

Line-up: Cuong Vu (trumpet) – Richard Karpen (piano) – Luke Berman (bass) – Ted Poor (drums) – Ivan Arteaga, Shih-Wei Lo, Douglas Niemela, Joshua Parmenter (Live Electronics Ipad Performers).

Tracklist:

1. L’Heure Bleue
2. Indigo Mist
3. A Flower Is A Lovesome Thing
4. Billy
5. Duke
6. In A Sentimental Mood
7. Charles
8. Lush Life
9. The Electric Mist
10. Mood Indigo
Link: Sito ufficiale

That the days go by and never come again – Spotify streaming

Suggestions

[amazon_enhanced asin=”B00LB3OG3M” /]

Ti potrebbe interessare...

UMG album

Mondo e Antimondo – Umberto Maria Giardini

Fuoco e ghiaccio. Coperte calde e venti gelidi. Mondo e antimondo. Dicembre inizia all’insegna della …

Leave a Reply