Home / Recensioni / Album / The Minutes – Israel Martinez

The Minutes – Israel Martinez

Difficile è l’approccio ad un lavoro come questo, è bene dirlo subito. Israel Martinez è un giovane artista molto quotato nel suo campo, ma se ci si pone innanzi a questo disco per fruire buona musica si resterà molto delusi.
Le dieci tracce che scandiscono questo album sono un susseguirsi di rumori: ronzii di insetti, scrosciare d’acqua, voci, passi etc. commisti ad inserti e parti di elettronica sperimentale che sa creare vasche oniriche dalla grande forza immaginativa, ma che non riesce a dare una vera struttura “musicale” al tutto. In realtà le intenzioni di Martinez sono molto più alte, esprimere la crisi profonda di un paese, il suo, il Messico, che affronta  e subisce in termini di vittime innocenti lo scontro durissimo tra forze dell’ordine e criminalità organizzata.
Ed ecco che sotto quest’ottica tutto sembra acquistare senso e  valore: la claustrofobia e l’angoscia che certi rilevamenti o campionamenti di rumori sembrano creare e la malinconia soffusa a tutto The Minutes. Ma è solo attraverso questa prospettiva che l’album può essere apprezzato, altrimenti sarebbe da considerare, musicalmente, quasi un nonsense.

Credits

Label: Aagoo Records – 2013

Line-up: Israel Martinez

Tracklist:

  1. Borrados
  2. Oblique Conjectures
  3. Tribonera
  4. Lamira
  5. Sada
  6. Xiriah
  7. Bohemia
  8. Ojodeagua
  9. Tosho
  10. Tabula Pacifico

Links:Sito Ufficiale

Ti potrebbe interessare...

Kikagaku Moyo - Kumoyo Island

Kumoyo Island – Kikagaku Moyo

Al quinto album lo schema geometrico della band nipponica affina le coordinate per una perfetta …

Leave a Reply