Home / Recensioni / Album / Orange – Le Gros Ballon

Orange – Le Gros Ballon

Immaginate il mondo delle favole, classiche, moderne, futuriste. Immaginatelo rappresentato, traslato dal suo iperuranio di purezza, inattaccabile e trascendente, alla macchina del teatro per i piccoli, alla magia del cinema. Immaginate le sue trame arricchite, come è sempre accaduto, dal codice per eccellenza: quello della Musica. Vedrete Alice saltellare, Biancaneve sorridere, leprotti e centauri soffermarsi, grilletti e streghe tenersi per mano. Questo è il potere dell’alchimia ludica della mongolfiera sonora diretta da Francesco Campanozzi e Marco Capra. Così leggeri e giocolieri da mettervi negli occhi chiusi visioni di mondi sospesi e onirici, rendendovi cittadini speciali di quelle favole, appunto, di cui avete un bisogno ancestrale.
Orange, seguito dell’omonimo disco d’esordio e dell’ep La nuit (entrambi del 2010), è la conferma di un duo talentuoso e visionario, dedito all’improvvisazione che ha il gusto delicato della musica en plein air. Della musica cinematica più nobile e eterea.
Orange è un’epifania che risuona di chitarre, pianoforte, batteria, ukulele, vari strumenti etnici, insoliti oggetti come una bomboletta spray e una lastra di metallo. Quindici episodi magnifici e emozinali che raggiungono l’apice di una carica immaginfica in Sirens and Maelström, brano capace di spalancare scenari affascinanti e ammalianti, per altro con un sottotilo guida che è già una storia: Non ti addormentare questa notte, aspetta almeno la seconda marea.
Orange è l’occasione che non dovreste perdere per poter tornare alla primigenia natura di esseri capaci di immaginare e emozionarsi!

Credits

Label: CasaMedusa – 2012

Line-up: Francesco Campanozzi; Marco Capra

Tracklist:

PART I
1. Lake Orange’s Shores (Sulle sponde del Lago Orange ad aspettare)
2. Run! (Scappa finché sei in tempo, l’alta marea non fa prigionieri questa notte)
3. Tip Tap, Mr Drop (Riesci a ballare sull’acqua senza bagnarti?)
4. Wild West Story: Land! (Terra! Ovvero la storia di una fuga verso nessun posto)
5. Sirens And Maelström (Non ti addormentare questa notte, aspetta almeno la seconda marea)
6. Eastwards (…la secca, l’Oriente e poi più niente)
7. In A Sea Of Jujubes (Su come cercammo rifugio in un salice piangente e trovammo solo gusci vuoti per coprirci)
8. The Live Bait Dance (Balla con me l’ultima volta)

PART II
1. I Never Stopped Swimming You (Le conseguenze dello stile libero)
2. Dancing Sirtaki 23 (…che la corrente se lo porti via)
3. Northern Night (A piedi nudi nella neve)
4. The Ballad Of The Dirty Mosquitoes (Raid, Autan, Napalm e altri rimedi)
5. Stuck In Lake Orange (Giù giù non si sta poi così male)
6. This Island Fits For Two (La ballata del naufrago d’amore)
7. We Sailed Foaming Cavalloni (Navigammo per giorni, spumeggiando tra onde e miglia…)

Links:Bandcamp (Disco in vendita),Facebook

Orange – Streaming

Ti potrebbe interessare...

cover_the-winstons_smith_def

Smith – Winstons

Canterbury, UK, 1969. Le note riverberate di un organo preparato risuonano con assorti esotismi sotto …

Leave a Reply