Home / Recensioni / Album / Obiettivo sensibile – Gasparazzo

Obiettivo sensibile – Gasparazzo

I Gasparazzo si formano in Emilia nel 2003 grazie alle sperimentazioni di Alessandro Caporossi, Generoso Pierascenzi (ex Squit già vincitori del Premio D’Aolio 2003) e Lorenzo Lusvardi (ex A.F.A.). La band comincia a suonare in tutta Italia e nel 2004 vince il Festival delle Arti a Bologna. Il primo album ufficiale Tiro di classe (Terracalda/Self) esce nel 2007, e la canzone Siesta viene trasmessa a ripetizione da Caterpillar di Radio2. Il disco è seguito da un tour molto intenso in Italia (Fuori Orario, Tunnel, Off, Casa 139, ecc.) e Germania, che culmina con la partecipazione ad Italia Wave. Nel frattempo la band continua il proprio percorso di sperimentazione ed evoluzione sonora che porta alla pubblicazione del secondo album Fonostorie (Goodfellas) nel 2010. Negli ultimi mesi del 2011, dopo un nuovo e lungo tour, la band ritorna in studio per lavorare al nuovo disco Obiettivo Sensibile, pubblicato nel 2012.
L’album è definito dalla band “Un mix di folk elettrico, una boccata di energia” e non si potrebbero trovare parole migliori per descrivere le 14 tracce di Obiettivo Sensibile. Il suono varia tra atmosfere reggaeggianti e delicate di brani come Frutti Tropicali, e altre decisamente più rock e punkeggianti come L’attesa, non mancano brani dalle strutture ampie, come Terra dei pomodori o La danza di Dionisio. Il brano Tina è ispirato alla vita di Tina Modotti, attrice e fotografa socialista italiana morta in Messico in circostanze sospette. C’è spazio anche per una cover di Tornerai (brano portato al successo da Dino Olivieri, nel 1937) con un’atmosfera notturna e un po’ retrò e per una ballad romantica come Melodia. Chiude l’album il brano Dietro la tenda, dove la band affronta addirittura il reading alla Massimo Volume.
Obiettivo sensibile è un ottimo album. Un album che potremmo definire “globale”, che tocca un po’ tutti i lati della musica risultando comunque omogeneo nella sua varietà.

Credits

Label: Autonomix/ Venus – 2012

Line-up: Alessandro Caporossi (voce) – Lorenzo Lusvardi (batteria) – Marco “Tirro” Tirelli (basso) – Generoso Pierascenzi (chitarra)

Tracklist:

  1. Ritratto Deforme
  2. Pick Up
  3. Frutti Tropicali
  4. L’Attesa
  5. Terra dei Pomodori
  6. La Danza di Dioniso
  7. Obiettivo Sensibile
  8. Madri de Placa de Majo
  9. Al Conero
  10. Tina
  11. Tornerai
  12. Serenata Alla Notte
  13. Melodia
  14. Dietro la Tenda

Links:FacebookSito Ufficiale

Ti potrebbe interessare...

Ex-Re-Album-Packshot-SMALL

S/T – Ex:Re

Flusso di coscienza del naturale processo di autoeliminazione. Come elaborare un lutto, processare la fine …

Leave a Reply