Home / Recensioni / EP/Self Released / Flow – Zio Vania

Flow – Zio Vania

Gli Zio Vania mutuano il loro nome dal personaggio omonimo del libro di Roy Lewis The evolution man.
Il loro album d’esordio si intitola Flow e contiene dieci tracce di matrice funky amalgamate con sonorità rock anni settanta e reggae. L’impatto sonoro è energico e tecnicamente valido, manca, però, la spinta di originalità e di carattere per renderlo un “lavoro maturo”, ma d’altronde si tratta di un’opera prima. Il cantato non è ancora preciso e la lingua inglese non aiuta i testi che appaiono alle volte poco incisivi nelle costruzioni complesse.
Nonostante le imprecisioni, il disco scivola gradevole con interessanti riff di chitarra e sezioni ritmiche ben strutturate e merita di essere preso in considerazione il progetto dell’unificazione di diversi generi in un unico sound.

Credits

Label: Autoproduzione – 2011

Line-up: Gabriel Stohrer (voce, chitarra) – Matthias Stohrer (voce, basso) – Matteo Nacci (chitarra) – Lorenzo Peppoloni (batteria) – Stefano Nassi (percussioni)

Tracklist:

  1. Pink Cloud
  2. Sweet
  3. Voiceless Child
  4. Flow
  5. Girl You Make Me Feel Almighty
  6. Funky 4
  7. Crawled Up A Hill
  8. Cellar
  9. Raindance
  10. Cave

Link: Facebook

Ti potrebbe interessare...

King Hannah

I’m Not Sorry, I Was Just Being Me – King Hannah

Ecco un duo che non ti aspetteresti arrivare da Liverpool, grazie al torrido suono stoner …

Leave a Reply