Home / Recensioni / Album / Better mistakes – Marti

Better mistakes – Marti

L’uomo è due uomini contemporaneamente: solo che uno è sveglio nelle tenebre e l’altro dorme nella luce” (K. Gibran). Questo aforisma ben rappresenta l’attore/cantautore genovese Andrea Bruschi ed il suo progetto Marti. L’universo tematico di Better Mistakes è quello di ballate notturne e crepuscolari che raccontano storie di uomini e donne sul palco della vita con tutti suoi dannati chiaroscuri. Dopo l’elegante Unmade beds i Marti potevano continuare a cavalcare quell’onda retrò tracciata anni fa da Davey Ray Moor ed i suoi Cousteau, quell’onda che li aveva condotti all’attenzione di un’etichetta straniera come la Fod Records. Better Mistakes, invece, cerca di parlare delle stesse cose con un diverso linguaggio musicale, gli arrangiamenti sono più ariosi, totale scomparsa dell’uncino melodico a tutti costi, gli incisi melodici sembrano accadere per puro caso, sorprendendo l’ascoltatore in strade notturne illuminate sotto lampioni bagnati. C’è sempre lo spettro di David Bowie con un’attitudine più verso Leonard Cohen. Viene in mente Berlino forse perché Andrea ora vive là o perchè sembrano esserci suggestioni da Achtung Baby degli U2 nella coda finale di Ten long years. Non c’è un brano che spicca sugli altri perché sono tutti bicchieri di ottimo scotch che vanno sorseggiati l’uno dopo l’altro fino a ritrovare se stessi davanti allo specchio dei propri sbagli. Ma un brano va menzionato ed è The price we pay, liberamente tradotto in Pochi Attimi da Francesco Bianconi (Baustelle) che risveglia il Luigi Tenco che è in Andrea. Simone Maggi e Claudia Natili sorreggono e costruiscono magnifiche atmosfere per il lirico universo di Andrea.
Alla seconda prova i Marti convincono e dimostrano che si possono realizzare progetti musicali di qualità a livello internazionale partendo da scenari indipendenti nostrani. Better mistakes sarebbe stata la colonna sonora per film di registi come Francis Ford Coppola o Roman Polanski. Veramente un gran bel disco.

Credits

Label: Fod records – 2011

Line-up: Simone Maggi (piano, fender rhodes) – Claudia Natili (double bass, electric bass) – Andrea Bruschi (Vocals)..

Tracklist:

    1. The Price We Pay
    2. Inflagrante Delicto
    3. Wouldn’t It Be Fine
    4. Return Of The Dishwasher
    5. 10 Long Years
    6. Havana Bride
    7. Better Mistakes
    8. The Most Implausible Thing
    9. No Stains Of Your Life
    10. It Doesn’t Make Me Happy
    11. The Girl That Turns Off Street Lamps
    12. Per Pochi Attimi

Link: MySpace

Ti potrebbe interessare...

Kikagaku Moyo - Kumoyo Island

Kumoyo Island – Kikagaku Moyo

Al quinto album lo schema geometrico della band nipponica affina le coordinate per una perfetta …

Leave a Reply