Home / Recensioni / EP/Self Released / Battaglie – Chesterpolio

Battaglie – Chesterpolio

chesterpolioI Chesterpolio sono un quartetto romagnolo molto particolare. Già dal nome lo si può intendere, mentre dal titolo dell’album si può immaginare la determinazione della band. Il tempo di raccogliere i sette brani riuniti in questo album, Battaglie, e si può accantonare il precedente omonimo lavoro datato 2007. Arricchito dalla grafica dell’altrettanto giovane artista Tone, il cd è un oggetto affascinante, che mi ricorda un’altra meritevole band della zona, i Venezia, che avevano scelto l’autoproduzione self-made per il proprio disco. Non è solo la scelta di autoprodursi, talvolta obbligata per i giovani emergenti, ma anche l’approccio alla musica che accomuna i Chesterpolio ad un’intera scena musicale che vive e fermenta tra Forlì e il mare. Libertà è la prima regola, ritmo è la seconda. I Chesterpolio poi, oltre che schizzare note a destra e a manca con virulenta rabbia musicale, sono capaci anche di dispensare carezze. Esempio è il finale dell’ultima traccia, Torrenziale, colorata da un leggero pianoforte dopo una vorticosa discesa di cascata in cascata, evitando mulinelli di chitarra e pietre scagliate dalla batteria. Risalendo la corrente troviamo altro, come la schizofrenica Massacro, imprevedibile nel suo divenire che pone in primo piano il ritmo, e Paesaggi, esplosioni ex professo che rompe la quiete della melodia con potenti bassi, togliendo la terra da sotto i piedi in un crescendo psichedelico e claustrofobico. Questi sono solo esempi: tutte le tracce hanno come protagonista l’irregolare, l’inaspettato, il cambiamento continuo e necessario. Stupisce che l’album, pur essendo un’autoproduzione, riesca a offrire ai Chesterpolio una notevole solidità di intenti: la creatività musicale non è nulla se poi nel disco non si nota una coerenza di fondo, e in Battaglie questa coerenza che lega ogni brano con un sottile filo c’è. Bisogna mantenerla, coltivarla, svilupparla, e la band romagnola saprà darci soddisfazioni.

Credits

Label: Autoprodotto – 2009

Line-up: Sebastiano Carghini (batteria) – Daniele Magrini (chitarra) – Luca Reali (basso) – Federico Maggioli (pianoforte)

Tracklist:

  1. Rodeo
  2. Lontanissime
  3. Battaglie/a
  4. Settimo
  5. Paesaggi, esplosioni ex professo
  6. Massacro
  7. Torrenziale

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

Ceramic Dog

Connection – Ceramic Dog

Ascoltando Battiato cantare di free jazz punk inglese ho sempre pensato che fosse un ossimoro, …

Leave a Reply