Home / Recensioni / Album / Ultime notizie di cronaca – P.G.R.

Ultime notizie di cronaca – P.G.R.

ultimenotizieArriva il momento in cui la trasgressione, la ribellione, viene sedata dagli eventi. E’ in quel momento che il contrasto si fa meno duro, ma più consapevole, più convincente. Ultime notizie di cronaca. Ultimo album dei P.G.R.. Ultimo in senso assoluto. A sei anni da D’anime e d’animali, questo album arriva a chiudere un percorso ventennale, una combinazione artistica tra Giovanni Lindo Ferretti, Giorgio Canali e Gianni Maroccolo. E subito si fa percepire come qualcosa da rimpiangere, come l’ultimo viaggio del ribelle: quello che riporta a casa. Nove tracce, nove cronache, che parlano dell’inverno come stagione ideale, della malattia, della guerra, della fede. “Certo, le circostanze non sono favorevoli. E quando mai?” la voce di Giovanni Lindo Ferretti, meravigliosamente ambigua e riconoscibile. Dolorosa, tediata dalla passività del resto, trattenuta. Come un colpo in canna. Docile. Possibile. Cronaca montana, la prima traccia. “nato tra i morti, sui monti… vivo sui monti, tra i morti“. Facile comprendere che chi ha segnato porta in sé i segni di ciò che ha toccato. L’evoluzione di un uomo che per vincere la lotta ha scelto la comprensione e non più l’ostinazione.Cronaca del 2009, un riassunto di ciò che siamo. Che siamo diventati. Scritto non con le parole di chi insegna a chi non ha mai imparato. Ma scritto con la lucidità dello specchio. Con lo stesso freddo scoprire. “Certifichiamo radice una fluorescenza in superficie.” Si conclude con il Buon Anno ebraico (Shana Tova) per il nuovo anno 5769. Cronaca di guerra I si apre facendoci già pensare ai preparativi prima dell’attacco. La musica è scandita e crescente, e sul crescendo si ferma. E’ sempre la poetica di Ferretti. Cruda ed elegante. Chiarificatrice. Di fronte alle anomalie refrattrive del nostro quotidiano.  “l’uomo si vuole clone.  Una merce qualsiasi lo era da schiavo, lo sarà da padrone.” Segue Cronaca del ritorno. “montano italico cattolico-romano“. Così si definisce adesso Ferretti, sicuramente ben distante dal punk urbano senza radici che noi ricordiamo. Eppure, continua ancora a soffiare tra i denti la mal celata indignazione di sempre. Cronaca d’inverno è un viaggio di luci, colori e odori attraverso il freddo e il silenzio, a volte più saggi del caldo raccontare. “giorni che non servono parole… il fiato si condensa in sbuffi di vapore.” Come si può spiegare, in effetti, la forza dell’inverno che rende visibile il fiato? Cronaca di guerra II va a completare la precedente Cronaca. Le novantanove guerre, il sol dell’Avvenire, ancora. Il piombo, gli spazi, l’oltranza. Significativa descrizione e ripetizione di ciò che non ha fine né differenze. Lo stesso inspiegabile susseguirsi, nei secoli dei secoli. Senza Dio. In Cronaca filiale è chiaro il riferimento che Lindo Ferretti fa alla malattia della madre, che inchioda anche lui alla precarietà della vita, che assorbe tutte le sue energie, che dà senso agli spiragli. Emozionante visione dell’amore incondizionato, senza passato né presente, ma quotidiano. In Cronaca settimanale il riferimento alla tradizione ebraica è riconoscibile anche nella musica che sottolinea le parole. In diverse visioni della religiosità che vanno ad incanalarsi nella stessa mancanza di peso e di slancio, “in paramenti rigorosamente high-tech“. Tutto si risolve in Cronaca divina. Il Te Deum, il Sanctus, visto dagli occhi filtrati dall’unicità della vita di Giovanni Lindo Ferretti. Che ha messo d’accordo anche il noto ateismo di Giorgio Canali, merito della naturalezza e della necessità del sentire. Della suggestione nell’assenza di suggestione. Sicuramente il brano che preferisco, tra i nove, se è possibile riconoscere l’apice personale del sentire. Cristo vivo, in piaghe e gloria, e battito di cuore. Credibile. “E’ calore carnale è respiro fetale è la vita che vive.
In effetti è difficile pensare ad un seguito quando è stato già detto tutto.

Credits

Label: Universal – 2009

Line-up: Giovanni Lindo Ferretti (voce) – Gianni Maroccolo (basso) – Giorgio Canali (chitarra)

Tracklist:

  1. Cronaca montana
  2. Cronaca del 2009
  3. Cronaca di guerra I
  4. Cronaca del ritorno
  5. Cronaca d’inverno
  6. Cronaca di guerra II
  7. Cronaca filiale
  8. Cronaca settimanale
  9. Cronaca divina

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply