Home / Recensioni / Album / Modern Times – Charme

Modern Times – Charme

Arrivano dalla Sicilia gli Charme con il loro secondo disco Modern Times, come il celebre film di Charlie Chaplin con cui condivide la volontà di riflettere sui nostri tempi, socialmente e musicalmente.
Hanno esordito nel 2004 con l’ep
Sun a cui segue l’anno dopo E.P. 2005. Nel 2009 esce il loro primo album autoprodotto e a settembre 2013 è la volta di Modern Times.
Fin dal primo ascolto di
Modern Times si riesce a percepire chiaramente qual è la patria d’elezione musicale del gruppo, quali i riferimenti musicali e quasi immediatamente il disco ci sembra familiare. Le due ballad Where the love’s gone e Bring my love home sono due pezzi nel più classico pop-rock inglese, romantici e quasi epici nel crescendo musicale con le chitarre a farla da padrone come in Cobra Witch.
Quasi tutti i brani di questo disco sono estremamente puliti, alcuni come
Vivoid sono particolarmente interessanti ma proprio partendo dalla canzone che chiude il disco e proprio percependo un talento tutt’altro che trascurabile, credo che gli Charme dovrebbero cercare una strada che sia più personale. Una rielaborazione di uno stile musicale che in Modern Times è forse troppo soverchiante, non lasciando spazio a un’interpretazione originale. Le aperture elettroniche di Vivoid, la notevole Babylon sono in questo senso un ottimo punto di partenza.

Credits

Label: Autoprodotto – 2013

Line-up: Ippolito Nicolini (voce, chitarra elettrica a, percussioni) – Pepe Candia ( basso, chitarra acustica, piano, percussioni) – Alessandro La Cognata (chitarre, piano, synth) – Peppe Burrafato ( batteria)

Tracklist:

  1. Come and Get Alive
  2. Modern Times
  3. Where the love’s Gone
  4. Freedom Sound
  5. Storm of Change
  6. Cassandra ( Brainstorm)
  7. Bring My Love Home
  8. Cobra Witch
  9. Vivoid
  10. Let the Drama Begin
  11. Babylon

Link: Facebook

Modern times – video

 

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply