Home / Recensioni / Album / Seventeen Going Under – Sam Fender

Seventeen Going Under – Sam Fender

sam-fender-seventeen-going-under-album-cover-rmo7dRitorna il giovane songwriter della provincia di Newcastle. Convince anche questa volta con un secondo album di “formazione” come aveva sbalordito con il disco di debutto Hypersonic Missiles. Si racconta senza pelle, attraverso il prisma dei ricordi di un’adolescenza difficile, della perdita di innocenza, delle brusche sterzate lungo la strada di una vita ancora non ben definita. Ha sempre quello sguardo particolare verso il mondo, dalla sua microstoria alla macrostoria come nelle politiche Aye e Long Way Off. Sam Fender ha la dote di scrivere canzoni semplici dirette e universali. Il piglio è sempre rinfrescare il sound del primo Bruce Springsteen e porsi come alternativa alla band contemporanea dei The War on Drugs (in primo momento Adam Granduciel doveva mixare Last to Make It Home). Siamo davanti ad armonie di chitarra pulita, esaltate da sax alcolici, blueseggianti. Non ci sono solo riff ammiccanti ma anche passaggi derivati dalla tradizione country americana. Ogni traccia ha impetuosità, è un fiume in piena di parole. Seventeen Going Under, Getting Started e Get You Down sono uno storytelling giovanile che uncina senza sosta. Anche quando le atmosfere sono più tranquille, più dal mood ballad per intendirci, la sua scrittura riesce sempre a catturare l’attenzione dell’ascoltatore come in Mantra e The Dying Light. Fidiamoci della faccia pulita di questo ragazzo della periferia inglese perchè è onesto, perchè non ha bisogno di eyeliner per colpirci. Attraverso un tunnel segreto, come nella serie Dark, viene dagli anni ottanta e ci vuole ricordare che un certo tipo di rock sincero e vero si può ancora scrivere e fare da colonna sonora di questi anni maledetti.

Credits

Label: Polydor – 2021

Line-up: Sam Fender (vocals, guitar, bass, piano, synth, production on tracks 9 and 11) – Dean Thompson ( engineering) – Tom Ungerer (bass) – Drew Michael (drums) – Joe Atkinson (synthesizer, sound design) – Johnny Blue Hat Davis (saxophone) – John Waugh (saxophone).

Tracklist:

1. Seventeen Going Under
2. Getting Started
3. Aye
4. Get You Down
5. Long Way Off
6. Spit Of You
7. Last To Make It Home
8. The Leveller
9. Mantra
10. Paradigms
11. The Dying Light
Links:Sito Ufficiale

Album – streaming

Seventeen Going Under – Video

https://youtu.be/WAifgn2Cvo8

Ti potrebbe interessare...

Squid

Bright green field – Squid

Non c’è nessuna relazione tra la serie di successo mondiale Squid game e gli Squid, …

Leave a Reply