Home / Editoriali / “I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground & Nico” in uscita il 24 settembre

“I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground & Nico” in uscita il 24 settembre

I’LL BE YOUR MIRROR:
A TRIBUTE TO THE VELVET UNDERGROUND & NICO

IN USCITA IL 24 SETTEMBRE SU VERVE RECORDS

tribute_velvet_undergournd_nico_21

PRODUTTORE ESECUTIVO: HAL WILLNER
E CON IGGY POP, SHARON VAN ETTEN, MICHAEL STIPE, ST. VINCENT, THOMAS BARTLETT E ALTRI

GUARDA QUI IL VIDEO DI “RUN RUN RUN”
DI KURT VILE & THE VIOLATORS

Verve Records, l’etichetta originale dei The Velvet Underground, pubblicherà il nuovo album tributo I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground and Nico il 24 settembre, con brani di: Iggy Pop & Matt Sweeney, St. Vincent & Thomas Bartlett, Sharon Van Etten (e la partecipazione di Angel Olsen) e molti altri; pre-ordinalo QUI. Il primo brano, una versione di Kurt Vile & The Violators di “Run Run Run” è già disponibile: ascoltalo QUI e guarda il video QUI. Vinili e vinili test pressing autografati da Kurt Vile e altri artisti in edizione limitata saranno disponibili a questo link.

Supervisore e produttore esecutivo di I’ll Be Your Mirror è stato Hal Willner, amico e produttore di Lou Reed, che ci ha lasciati lo scorso anno e che ha messo in questo suo ultimo lavoro tutto l’amore e la stima che ha sempre nutrito per Lou.

La pubblicazione di I’ll Be Your Mirror è solo l’inizio di una robusta campagna prevista per il 2021. L’album è stato ideato nel 2017, proprio quando Todd Haynes ha firmato per dirigere “The Velvet Underground”, l’attesissimo film Apple Original recentemente presentato al Festival di Cannes nonché prima prova per il regista nell’ambito dei documentari. Apple Original Films e Polygram Entertainment presentano “The Velvet Underground”, in collaborazione con Federal Films, una produzione di Motto Films e Killer Films. “The Velvet Underground” arriverà nei cinema di tutto il mondo e su Apple TV+ il 15 ottobre e sarà accompagnato da una colonna sonora curata da Randall Poster e Todd Haynes disponibile via Republic/UMe.

La pubblicazione nel 1967 dell’album d’esordio dei Velvet Underground, intitolato The Velvet Underground & Nico e che riportava sull’iconica copertina la banana disegnata da Andy Warhol, è stata determinante per avviare quel processo di infiltrazione estetica che tutti conosciamo oggi. L’album ha ridefinito i confini del rock & roll, dando vita al concetto di alternative rock e gettando le basi per il punk, il grunge e tutti gli altri movimenti underground a seguire.

E nella nuova versione di “Run Run Run”, arrivano Kurt Vile & The Violators a ricordarci quanto spesso i Velvet Underground fossero anche una torrida band rock & roll, oltre che artisti d’avanguardia.

Prima dei Velvet Underground, nessuno avrebbe mai pensato che una band potesse diventare importante senza avere almeno una hit nel proprio repertorio. Reed, invece, ha sempre creduto nel fascino del rock & roll, nella capacità di andare oltre la contemporaneità e sfondare ogni barriera temporale, essendo poi riconosciuto al pari delle arti “nobili” come la poesia, la narrativa, il dramma, la pittura e tutte le altre. Se anche i Velvet avessero pubblicato quest’unico album, sarebbero comunque passati alla storia come una delle rock band più rilevanti e influenti.

I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground & Nico vede la partecipazione di Michael Stipe, Matt Berninger, Sharon Van Etten with Angel Olsen, Andrew Bird, Lucius, Kurt Vile & The Violators, St. Vincent & Thomas Bartlett, Thurston Moore, Bobby Gillespie, King Princess, Courtney Barnett, Fontaines D.C., e Iggy Pop & Matt Sweeney. Un vero e proprio tributo, traccia dopo traccia, all’album originale.

Parte del ricavato delle vendite dell’album verrà devoluta ad Amnesty International USA, un’organizzazione di milioni di persone che ogni giorno si batte per i diritti umani di tutti. Il fondatore dei Velvet Underground Lou Reed ha sempre supportato Amnesty International USA.

I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground and Nico

  1. Sunday Morning – Michael Stipe (3:50)
  2. I’m Waiting For The Man – Matt Berninger (3:44)
  3. Femme Fatale – Sharon Van Etten (w/ Angel Olsen on backing vocals) (4:43)
  4. Venus In Furs – Andrew Bird & Lucius (6:55)
  5. Run Run Run – Kurt Vile & The Violators (6:59)
  6. All Tomorrow’s Parties – St. Vincent & Thomas Bartlett (4:52)
  7. Heroin – Thurston Moore feat. Bobby Gillespie (7:24)
  8. There She Goes Again – King Princess (3:29)
  9. I’ll Be Your Mirror – Courtney Barnett (2:27)
  10. The Black Angel’s Death Song – Fontaines D.C. (3:12)
  11. European Son – Iggy Pop & Matt Sweeney (7:45)

Ti potrebbe interessare...

rosaroll

Conoscere, esplorare, aprirsi: intervista a Stefano De Stefano

Nel giorno dell’uscita di una nuova canzone targata Rosaroll, abbiamo incontrato Stefano De Stefano per …

Leave a Reply