Home / Recensioni / Album / Live with the Metropole Orkest – SOHN

Live with the Metropole Orkest – SOHN

sohn_live_2020L’elettronica tormentata e glaciale di SOHN amplifica la sua potenza cinematica intrecciando le sue trame negli archi e nei fiati della Metropole Orkest. In occasione della serata di apertura dell’Amsterdam Music Event, Christopher Michael Taylor aka SOHN, coadiuvato dal direttore d’orchestra Hans Ek, è riuscito nell’impresa: miscelare la sua elettronica introspettiva e sperimentale con la pomposità di un’orchestra di 56 elementi, senza mai far risultare il risultato troppo barocco e stucchevole come è capitato di solito per simili collaborazioni. La Metropole Orkest interviene in punta di piedi, riempendo gli spazi bianchi di Rumors. Quelle pause e quei silenzi presenti nei brani di quel primo capolavoro di SOHN vengono dilatati e arricchiti di dettagli sonici, tasselli mancanti ad evidenziare ancora una volta la grande artisticità del produttore inglese. Questo live al Melkweg di Amsterdam è un ottimo esperimento di sinergia tra attitudine classica ed elettronica moderna. In questa veste brani come Harbour, The wheel, Light, Fool potrebbero entrare in una possibile soundtrack di film distopici come Matrix o Blade Runner. C’è spazio per rivisitazioni incredibili di suoi ultimi singoli come Hue e Nil. La sensualità della voce di SOHN si espande nell’aria e entra nei pori dell’ascoltatore, come accade in primis in Conrad e Signal. Quando un album live ha un senso.

Credits

Label: 4AD – 2020

Line-up: Sohn (All instruments).

Tracklist:

A1. Hue
A2. Fool
A3. Oscillate
A4. Signal
B1. The Wheel
B2. Bloodflows
B3. Tremors
B4. Harbour
C1. Nil
C2. Lights
C3. Lessons
C4. Hard Liquor
D1. Artifice
D2. Conrad
D3. Rennen
Link: Sito ufficiale.

Harbour – Video

Conrad – streaming

Ti potrebbe interessare...

COVER_DISAMORE

(dis)amore – Perturbazione

Non è mai facile raccontare la parabola che disegna il mischiarsi il cuore, l’attimo e …

Leave a Reply