Home / Recensioni / Album / Honey Birds – Joseph Martone

Honey Birds – Joseph Martone

HONEY-BIRDS_cover albumTra America e Italia, tra deserto e Mediterraneo nascono questi otto pezzi d’anima e ricordi. La tavolozza dei colori sonici è maneggiata sapientemente dal songwriter italo-americano Joseph Martone. Siamo davanti ad una scrittura onesta, di pancia. Un cavallo ci guida in strade polverose di un cuore alcolico, perduto in una mappa ingiallita che segna pochi punti cardinali: sofferenza, amore, amicizia, famiglia e memoria. In brani come Same Old Same Old, Working On Me, The Deal e Firefly la suadente e calda voce di Joseph Martone ci riporta alla mente quel rock-blues oscuro che si rintracciava nel Mark Lanegan di Bubblegum, nel Tom Waits di Mule Variations, nel Cesare Basile di Gran Calavera Elettrica. In queste atmosfere sempre al limite dello spaghetti western sembra di essere sempre in bilico tra Ennio Morricone e David Lynch, come lo dimostra perfettamente il brano Oh Goodness Me. In tutto il disco si possono apprezzare la sapiente produzione del musicista canadese Taylor Kirk (Timber Timbre) e la collaborazione di lunga data con Ned Crowther (The Fernweh, Smokey Angle Shades). In questo album di debutto Joseph Martone gioca bene le sue cartucce e ci colpisce dritto al centro del petto. Ci emoziona senza via di scampo.

Credits

Label: FreakHouse Records – 2020

Line-up: Joseph Martone.

Tracklist:

1. Working On Me
2. Trust
3. The Deal
4. St Christopher
5. Same Old Same Old
6. Oh Goodness Me
7. Declared War
8. Firefly

Link: Facebook.

The Deal – Video

Honeybirds – streaming

Ti potrebbe interessare...

COVER_DISAMORE

(dis)amore – Perturbazione

Non è mai facile raccontare la parabola che disegna il mischiarsi il cuore, l’attimo e …

Leave a Reply