Home / Recensioni / Album / Dixie Blur – Jonathan Wilson

Dixie Blur – Jonathan Wilson

jonathanwilsondixieblur2020_600_600Quando tutto va storto, bisogna guardarsi indietro. Più precisamente bisogna riavvolgere il nastro e ritornare dove si è partiti, bisogna ritornare nei luoghi della nostra giovinezza, dove siamo nati. Il polistrumentista produttore Jonathan Wilson lascia la metropoli Los Angeles per ritornare con la mente ed il cuore alle sue radici southern nella sua nativa North Carolina. Ed ecco che nasce Dixie Blur, un disco denso di ricordi e nostalgia che affonda la sua cifra stilistica nel bluegrass, nel country e nell’Americana, tipici generi di quella terra. Ma questo flashback esistenziale e musicale Jonathan Wilson lo ha registrato anche come si faceva una volta: tutto in presa diretta a Nashville con un manipolo di eccellenti musicisti come Mark O’Connor (fiddle), Kenny Vaughan (guitar), Dennis Crouch (bass), Russ Pahl (pedal steel), Jim Hoke (woodwinds, harmonica), Jon Radford (drums) e Drew Erickson (keyboards) . Nella produzione artistica si è fatto assistere anche da Pat Sansone dei Wilco. In Dixie Blur albergano diverse anime, dal narratore alla Springsteen al country-rock dei primi The Byrds, passando per il pop-rock dei Fleetwood Mac. Ogni brano regala emozioni che ci portiamo dentro da una vita ed il segreto di Jonathan Wilson è quello di far sembrare tutto questo fresco e dannatamente contemporaneo. Sono piccoli gioellini brani come 69 Corvette, So Alive, O Girl e Platform. Suggestivi arrangiamenti avvolgono una voce calda e suadente che Roger Waters ha scelto non a caso per rimpiazzare quella di David Gilmour nei suoi recenti tour. Proprio in canzoni come Korean Tea e Just for Love sembra risentire il David Gilmour del debutto solista. Dixie Blur è memoria del suono che emoziona e che oggi diventa fonte di salvezza interiore. Fantastico disco!

Credits

Label: Bella Union records – 2020

Line-up: Jonathan Wilson (vocals, guitar, lyrics) – Mark O’Connor (fiddle), Kenny Vaughan (guitar), Dennis Crouch (bass), Russ Pahl (pedal steel), Jim Hoke (woodwinds, harmonica), Jon Radford (drums) e Drew Erickson (keyboards).

Tracklist:

1. Just For Love
2. ’69 Corvette
3. New Home
4. So Alive
5. In Heaven Making Love
6. Oh Girl
7. Pirate
8. Enemies
9. Fun For The Masses
10. Platform
11. Riding The Blinds
12. El Camino Real
13. Golden Apples
14. Korean Tea
Link: Sito Ufficiale.

’69 Corvette – Video

Dixie Blur – Streaming

Ti potrebbe interessare...

Echoes_of_Unspoken_Words_high

Echoes Of Unspoken Words – An Early Bird

In questi giorni maledetti di Covid ritroviamo il mood nostalgico di Stefano De Stefano aka …

Leave a Reply