Home / Recensioni / Album / A – Blindur

A – Blindur

blindur_aLo scorrere della nostra vita odierna è un vortice che non ci permette di andare oltre l’immanente. La frenesia urbana ci assale alla gola e non ci permette di assaporare la poesia dell’invisibile, la possibilità di una rivoluzione. I nostri sogni sono bagnati di pioggia e sono rimasti attaccati al parabrezza di quella macchina della nostra vita che corre corre in strade inutili, dove non abita più l’amore con la A maiuscula dell’omonimo titolo del secondo disco di Blindur. Il cantautore partenopeo Massimo De Vita conferma il suo enorme talento nella scrittura di canzoni che sanno leggere nei nostri cuori malati travolti in un’effimera società consumistica. Con uno stile folk dai dettagli moderni che vanno dal post-rock all’alternative-pop di matrice nord-europea i brani di A restanno nel cervello dell’ascoltatore perchè se non disdegnano la virata melodico-pop sanno anche sorprendere con soluzioni ritmiche non tipiche di una produzione analoga del mainstream cantautorale italico. Tutto questo si deve  alla produzione affidata non solo a Blindur ma anche a Paolo Alberta (Ligabue, Negrita, La fame di Camilla) e alle eccelenti collaborazioni internazionali di JT Bates (Big Red Machine e Bon Iver) e Birgir Birgisson (fonico di Sigur Rós, Björk). Tra tergicristalli, finestre, pioggia, notti sudate, mappamondi, scarpe appoggiate sul davanzale e cose lasciate in sospeso, canzoni come Invisibile agli occhi, Futuro presente, La forma delle mani e Cetrioli ci portano in una dimensione nostalgica che regala gioia e non tristezza, che ci offre e ci indica una strada per l’invisibile, l’unica meta per la quale valga la pena vivere. Tra i migliori Travis e Sigur Rós, tra De Gregori e Motta, al secondo disco Blindur prova che ancora una volta c’è qualcuno in Italia che segue le radici del nostro cantautorato con un approccio moderno, innovativo ed internazionale.

Credits

Label: La Tempesta Dischi – 2019

Line-up: Massimo De Vita (voce, chitarre, synth, percussioni) – Carla Grimaldi (violino, percussioni e voce) – Julie Ant (batteria e voce) – Luca Stefanelli (basso e voce).

Tracklist:

01. Invisibile agli occhi
02. Futuro presente
03. 3000X
04. Il punto di rottura
05. Q.B.
06 .La forma delle mani
07. Una brutta canzone
08. Ansia
09. Cetrioli
10. Come sassi
Links:Facebook

Album – streaming

Invisibile agli occhi – Video

Ti potrebbe interessare...

Efterklang_Altid_Sammen_

Altid Sammen – Efterklang

Gli Efterklang tornano dopo sette anni! Sette anni infiniti, colmati dall’amore del loro pubblico che …

Leave a Reply