Home / Recensioni / Album / Wanderer – Cat Power

Wanderer – Cat Power

cat-power-wandererDuro e fragile nello stesso momento. Il costo del vivere ed il prezzo del continuo cambiamento. Guardarsi allo specchio e riscoprire il proprio DNA. Planare nell’oceano in tempesta e fermarsi a prendere fiato sulla rupe della scogliera del nostro Io più nascosto. Con un decimo album più coraggioso e toccante che mai… così ritorna Cat Power. La cantautrice statunitense si veste da blueswoman e realizza uno dei suoi migliori dischi di sempre.  E pensare che questo lavoro era stato bocciato dalla sua ex-etichetta Matador perchè non aveva un sound da Hit. Fortunatamente Cat Power, pur attraversando un periodo particolare ossia quello della maternità, ha creduto fortemente in sè stessa. Oggi abbiamo un brano come Horizon che è un’elegia di ricordi con un potere emozionale paragonabile alla mitica Joni Mitchell. E’ un disco ricco di dettagli ad impreziosire e sviluppare atmosfere blues e folk mai banali. Si sente il viaggio, l’animo vagabondo di un’artista incredibile che rende oro tutto quello che tocca, come accade nella splendida cover Stay di Rhianna. In Black c’è la riflessione amara sulla beffarda vita dove la Power ci racconta della perdita di un’amica, che l’aveva salvata anni prima dopo una crisi dovuta ad eccesso di droga ed alcol e si interroga se in quell’occasione quel “nero” fosse migrato da se stessa alla sua povera amica. Stiamo parlando di una sensibilità alta che non è di questi tempi nichilisti, ma finchè ci sono questi dischi ci sarà sempre speranza per un mondo diverso, un mondo con pochi calcoli e tanti sentimenti e umanità. Wanderer ci fa restare umani.

Credits

Label: Domino – 2018

Line-up: Cat Power (guitars/lead vocals).

Tracklist:

01 Wanderer
02 In Your Face
03 You Get
04 Woman (feat. Lana Del Rey)
05 Horizon
06 Stay
07 Black
08 Robbin Hood
09 Nothing Really Matters
10 Me Voy
11 Wanderer/Exit
Links:Sito Ufficiale

Album – streaming

Woman – video

Ti potrebbe interessare...

artwork

The Roost – Good Moaning

Forse è la sbornia di musica tradizionale, talvolta decontestualizzata e svilita, a cui abbiamo assistito …

Leave a Reply