Home / Recensioni / Album / Dissolution – The Pineapple Thief

Dissolution – The Pineapple Thief

ThePineappleThief-Dissolution-3000x3000pxIl momento storico di massima connessione e vicinanza dell’umanità coincide con quello di massima dissoluzione sociale. I social network non sono il luogo di scambio socio-culturale che pensavamo, sono diventati lo specchio di Dorian Gray, dove si rivelano i nostri spettri maligni e si liberano i nostri istinti primordiali. Questo è il tema centrale delle canzoni che compongono il dodicesimo album in studio dei Pineapple Thief. Il sound della band di Bruce Soord è ancora una volta denso di sfumature, che non permettono una facile classificazione di genere. Siamo certamente in zona post-progressive dove uncini melodici di matrice pop si alternano sapientemente a climax ascendenti di chitarre elettriche, scandite da un drumming suadente e ipnotico senza eguali, frutto della partecipazione di Gavin Harrison sin dall’inizio delle registrazioni a differenza del precendete lavoro Your WildernessUn disco registrato in diversi studi del Regno Unito, dove ogni componente della band ha pensato separatamente il proprio contributo e che poi magicamente si è incastonato perfettamente alle parti scritte dagli altri. Brani come Not Naming Any Names, Uncovering Your Tracks e All That You’ve Got potevano far parte del repertorio dei Porcupine Tree, in alcuni tratti le movenze vocali di Bruce Soord ricalcano le orme di Steven Wilson. Le atmosfere di Dissolution sono varie e trovano anche momenti epici come le parti strumentali di White Mist e momenti delicati della ballad Shed a Light. Dissolution non tradisce i fan di lunga data della band britannica e con la presenza di Gavin Harrison proietta il progetto nelle alte sfere dell’Olimpo del prog di tutti i tempi. Per chi ama un suono ricco di sorprese.

Credits

Label: Kscope – 2018

Line-up: Bruce Soord (guitars/lead vocals) – Jon Sykes (bass/backing vocals) – Gavin Harrison (drums) – Steve Kitch (keyboards).

Tracklist:

1. Not Naming Any Names
2. Try As I Might
3. Threatening War
4. Uncovering Your Tracks
5. All That You’ve Got
6. Far Below
7. Pillar of Salt
8. White Mist
9. Shed A Light
Links:Sito Ufficiale, Facebook

Album – streaming

Try As I Might – video

Ti potrebbe interessare...

wig386_battlelines

Battle lines – Bob Moses

Melodie uncinanti in atmosfere dense di synth-pop, elettronica sperimentale e chitarre irruenti. Un suono che …

Leave a Reply