Home / Recensioni / Album / Rare birds – Jonathan Wilson

Rare birds – Jonathan Wilson

rare_birds_cover_18Ritorna Jonathan Wilson con un terzo capitolo che è un caleidoscopio di atmosfere ispirate alla musica della seconda metà degli anni settanta. C’è tutto l’amore di quel periodo. E come se il musicista americano tirasse fuori i vinili dallo scaffale della sua memoria e li filtrasse attraverso il suo mood malinconico-psichedelico, regalando momenti indimenticabili. C’è tutta la sua esperienza come chitarrista dell’ultimo tour di Roger Waters e come produttore dei dischi di Father John Misty. In Loving You Jonathan Wilson riesce a mescere in perfetto equilibrio il sound di Rumors dei Fleetwood Mac con la new-age di Laraaji che nella title track in questione suona la cetra e canta. In Trafalgar Square e Me c’è tutta la passione per i dischi di  David Bowie prodotti da Tony Visconti. In Over the Midnight c’è la stessa attitudine di band come The war on drugs per quel rock anni ottanta di springsteeniana memoria. Omaggio agli ABBA è There’s a Light. In Living With Myself in mezzo a caldi synth c’è la voce sirena di Lana Del Rey. Mentre Beatles e Talk Talk ispirano rispettivamente Miriam Montague49 Hair Flips. Con una produzione in stile Peter Gabriel degli anni d’oro, Jonathan Wilson ci parla di sessualità cruda, di pericoli dei social media e di desiderio disperato d’amore. Rare birds è un disco di rara sensibilità artistica in questi giorni di velocità disumana. Album assolutamente ambizioso che riesce nell’intento di colpire l’ascoltatore ad ogni nota. Disco da portare nel cuore.

Credits

Label: Bella Union – 2018

Line-up: Jonathan Wilson.

Tracklist:

1. Trafalgar Square
2. Me
3. Over the Midnight
4. There’s a Light
5. Sunset Blvd
6. Rare Birds
7. 49 Hairflips
8. Miriam Montague
9. Loving You
10. Living With Myself
11. Hard To Get over
12. Hi HO The Righteous
13. Mulholland Queen
Link: Sito Progetto

Album – streaming

Loving You – video

 

 

Ti potrebbe interessare...

FLO - La Mentirosa - Copertina

La Mentirosa – Flo

La ‘bugiarda’ del titolo non è una singola incarnazione di Flo, è la sintesi di un …

Leave a Reply