Home / Recensioni / Album / Il primato dell’immaginazione – Federico Fiumani & Alex Spalck

Il primato dell’immaginazione – Federico Fiumani & Alex Spalck

recensione_fiumani-spalck_IMG_20180318Il primato dell’immaginazione è il disco che nasce dalla fusione artistica tra Federico Fiumani (Diaframma) e Alex Spalck (Pankow). La new wave italiana degli anni Ottanta riscopre un senso rinnovato e il post punk percorre una strada a due corsie sulla quale viaggiano la poesia e la chitarra dei Diaframma e la furia dei Pankow. È un percorso senza meta quello de Il primato dell’immaginazione, si porta dietro fardelli sulle spalle e guarda con disillusione al futuro. L’orizzonte di questo disco è un dipinto a quattro mani a distanza: Fiumani a Firenze e Spalck a Melbourne. Un intreccio, un confronto dove le sonorità del disco rimangono ancorate ad atmosfere plumbee della vecchia scuola new wave. Trova spazio la confessione di un uomo che conosce le proprie debolezze in Accanto a te, mentre con Stelle a Pontassieve la melodia si addolcisce e favorisce un certo sogno intorpidito. In fondo a destra custodisce una buona dose di inquietudine alimentata da rumorismi e suoni industriali: il testo parla di “violenza” e “impotenza”, la speranza ha la strada sbarrata e c’è un progressivo smarrimento. C’è un’introduzione del disco scritta da Paolo Cesaretti che sintetizza il piglio dei brani: “In questo nostro presente sospeso, dove il nuovo diviene ripetizione e non più provocazione, dove viene meno quella dose di rischio e pericolo che il rompere con il passato e avventurarsi in nuovi territori implica, questi suoni e queste parole sembrano una rivincita, un grido di rabbia che ha l’intensità di un manifesto esistenziale: siamo quello che non volevate e ora invece avete bisogno di noi”. Un manifesto che non riesce, in realtà, ad urlare così forte da liberare l’animo, che tende a volare basso, dimenandosi appena. In chiusura, però, sorprende e fa respirare l’incredibile cover di Marquee moon riarrangiata in un dialogo tra chitarra e pianoforte, dove Spalck sporca ed esagera la voce, lasciando andare, finalmente, un po’ del male accumulato. La repressione dell’animo, la castrazione degli ideali: “Ho sognato l’anarchia/ E ho urlato tutta la mia frustrazione”. Un disco che sa comunque piazzarsi all’angolo, spuntato come spina nel fianco di uno scorrere musicale in un panorama che fatica a correre.

Credits

Label: Diaframma Records – 2018

Line-up: Federico Fiumani (voce, chitarra) – Alex Spalck (voce) – Luca Cantasano (basso, synth e batterie elettroniche) – Daniele Biagini (pianoforte e tastiere)

Tracklist:

  1. Stelle a Pontassieve
  2. Accanto a te
  3. In fondo a destra
  4. Mantra
  5. Non ti cambierò
  6. Harry Dean Stanton
  7. Non c’è traccia
  8. Satanasso
  9. Appeso ad un filo
  10. Marquee Moon

Link: facebook

Il primato dell’immaginazione – streaming

Accanto a te – video

Ti potrebbe interessare...

King Hannah

I’m Not Sorry, I Was Just Being Me – King Hannah

Ecco un duo che non ti aspetteresti arrivare da Liverpool, grazie al torrido suono stoner …

Leave a Reply