Home / Recensioni / Album / An image of eternity – Raffaele Grimaldi

An image of eternity – Raffaele Grimaldi

An image of eternity“La nostra immaginazione ingrandisce così tanto il tempo presente, che facciamo dell’eternità un niente, e del niente un’eternità” (B. Pascal, Pensieri).
Quali sono i momenti in cui ci sentiamo veramente vivi? Forse quando ci sentiamo piccolissimi davanti all’incedere infinito delle nuvole sui nostri cieli? Forse quando ci perdiamo nell’incessante succedersi delle onde di un mare in burrasca all’orizzonte? Forse quando ci imbattiamo nei colori intensi di un’alba o di un tramonto? Forse nelle prime volte della vita come il primo bacio, la prima volta che facciamo all’amore, la prima volta che abbiamo nostro figlio tra le braccia? Forse quando ammiriamo un dipinto da vicino, o guardiamo un film, o leggiamo pagine di un romanzo, o ascoltiamo una musica che riesce a muovere le corde della nostra anima. Sicuramente in tutti questi momenti percependo l’eternità riusciamo a sentirci vivi, a sentire le pulsazioni del cuore più frequenti fino a pompare più sangue nelle nostre vene. Ecco, le 15 composizioni per solo piano di Raffaele Grimaldi sono la cristallizzazione di questi suoi momenti personali di eternità che alla fine diventano anche nostri nel momento in cui li ascoltiamo. An Image of Eternity, Endless LinesTraces of Sunlight sono incantevoli, sono oceani di nostalgia e commozione, dove affiora una certa attitudine alla Michael Nyman. Fra i tuoi libri e The World I Breath sembrano ispirati al primo Ludovico Einaudi, quello di Una Mattina per intenderci. Mentre in brani come In me e Nuvola Fragile si percepisce lo stesso sentire tumultuoso tra impeto e delicatezza del compositore Joe Hisaishi. In Vertigo sembra che Raffaele Grimaldi diventi discepolo della continuous music di  Lubomyr Melnyk.  La musica di Raffaele Grimaldi non cerca la melodia a tutti i costi, cerca l’emozione che diventa nota, siamo lontani da Giovanni Allevi. An image of eternity non lascia scampo, vi riempirà l’anima di bellezza, vi avvolgerà di emozioni pure con una tecnica pianistica sopraffina accompagnata da una grande immaginazione.

Credits

Label: Blue Spiral Records – 2016

Line-up: Raffaele Grimaldi (piano).

Tracklist:

1 – An Image of Eternity
2 – Endless Lines
3 – Dans l’horizon
4 – Love Signs
5 – An Ocean Beyond Your Secrets
6 – Fra i tuoi libri
7 – The World I Breath
8 – In me
9 – Traces of Sunlight
10 – Nuvola fragile
11 – Come aria
12 – Vertigo
13 – Blue Nightfall
14 – November
15 – The Last Station
Link: Sito Ufficiale.

Album – streaming

An image of eternity – video

Ti potrebbe interessare...

algiers-underside

The underside of power – Algiers

Dopo la Brexit e Trump, dopo gli effetti devastanti della post-verità, la musica di oggi …

Leave a Reply