Home / Recensioni / Album / Be2 – Locomotif

Be2 – Locomotif

recensione_locomotif-be2_img_201609Correva l’anno 2012 e i catanesi Carmine Ruffino, Federica Faranda e Luca Barchitta, in arte Locomotif, presentavano al pubblico il loro mondo fatto di vetro con il disco di esordio Twimog (acronimo di This World Is Made Of Glass – Irma Records). Il 2016 segna il loro ritorno con l’album Be2 che, sebbene caratterizzato da una raggiunta maturità, non perde quella purezza d’animo che ha caratterizzato i brani di Twimog, come si può evincere già dalle limpide acque raffigurate sulla copertina del disco. Be2 vuol essere forse un elogio della dualità delle cose: assenza e presenza, cambiamento e abitudine, lo yin e lo yang, la scelta fatta anche nelle strade che si è deciso di non percorrere. Dualità che si manifesta anche nei generi che compongono questo lavoro, in quanto si alternano atmosfere dream pop (meno edulcorate rispetto al lavoro precedente) a sprazzi più rock e piacevoli derive post rock (come Lezioni americane in onore di Calvino). La voce di Federica, così soave e rassicurante, ci traghetta da una sponda all’altra della vita, adagiandosi sulle note del piano e i riverberi di Waste o sull’elettronica accattivante di Love Is Over, sorretta da archi e fiati nell’arioso ritornello di Air Is Not Enough. Mentre lascia spazio a chitarre elettriche graffianti nella lunga coda strumentale di Be Due o a intermezzi post rock in Tell Your Eyes. Il brano più pop si conferma 30 Trains, ovvero il singolo che ha anticipato l’uscita dell’album: fresco e ballabile, il pezzo termina con la simpatica ghost track della piccola Lulu che ci delizia con un estratto dello stesso adorabilmente interpretato.
Be2 rappresenta un lungo salto di qualità per il trio di Catania che, forte delle esperienze vissute in questi anni di assenza, presenta un album di stampo sempre internazionale, dalle melodie più ricercate, che non disdegna comunque il gusto delle cose più semplici e capace di toccare (come i Locomotif sono soliti fare) le giuste corde dell’animo umano.

Credits

Label: Maude Records – 2016

Line-up: Carmine Ruffino (tastiere) – Federica Faranda (voce) – Luca Barchitta (batteria)

Tracklist:

  1. Waste
  2. Blood Spread
  3. Be Due
  4. Air Is Not Enough
  5. 30 Trains
  6. Tell Your Eyes
  7. Two Drops and Sea
  8. Love Is Over
  9. Lezioni americane

Link: Sito Ufficiale, Facebook

Be2 – streaming

30 Trains – video

Ti potrebbe interessare...

Copertina-A-Toys-Orchestra-Midnight-Again_2

Midnight Again – …A Toys Orchestra

Siamo intrappolati in un’eterna mezzanotte tra quello che siamo stati oggi e quello che vorremmo …

Leave a Reply