Home / Recensioni / EP/Self Released / Limite – I.A.N.T.

Limite – I.A.N.T.

recensione_iant-limite_IMG_201605Gli I.A.N.T. (Incapaci Ai Nostri Tempi) arrivano da Peschiera del Garda con il loro punk-rock carico ed energico. La band, formatasi nel 2012, nel 2014 pubblica il suo album d’esordio omonimo. Dopo un’attività live che li ha portati ad aprire concerti di band più o meno importanti (tra queste Il Pan del Diavolo), il 2016 è l’anno di Limite, il loro secondo album, preceduto dall’uscita del singolo con videoclip 33-15.
Limite è sostanzialmente un album di denuncia dei limiti umani, dal vuoto di ideali che causa “il trionfo degli idioti” (Il trionfo), la guerra (33-15), la follia (Tra le mura). Temi sicuramente non nuovi, ma trattati con toni ironici e senza mai cadere nel retorico. Punk, metal, ska si fondono in un album che corre veloce tra colpi di batteria e schitarrate. Stupisce trovare tra le tracce la cover del brano Il mio nome è mai più, reso famoso dal trio Ligabue/Jovanotti/Pelù. Gli I.A.N.T., senza stravolgerlo più di tanto, riescono a donare al pezzo la giusta dose di rabbia e irruenza.
L’album si avvale della collaborazione di Bologna Violenta (Non sparerò) e Talco (Limite)
Limite è sicuramente un buon album, che mette in mostra le qualità della band. Un album che scorre veloce dall’inizio alla fine, senza perdere energia e verve neanche per un attimo, e mantenendo viva l’attenzione attraverso brani orecchiabili che entrano in testa al primo ascolto.

Credits

Label: Autoprodotto – 2016

Line-up: Alberto IL MALBO del Grande (chiatarra, voce) – Federico IL PANDO Fabiani (chitarra) – Daniele IL DANNY Rambaldo (basso) – Fabio IL FRISU Orlandi (batteria)

Tracklist:

  1. Il trionfo
  2. Luogo comune
  3. 33-15
  4. Non sparerò (ft. Bologna Violenta)
  5. Tra le mura
  6. Limite (ft. Talco)
  7. Il mio nome è mai più
  8. La colpa è tua

Links: Facebook

Limite – YouTube

33-15 – video

Ti potrebbe interessare...

King Hannah

I’m Not Sorry, I Was Just Being Me – King Hannah

Ecco un duo che non ti aspetteresti arrivare da Liverpool, grazie al torrido suono stoner …

Leave a Reply