Home / Recensioni / Album / Painting with – Animal Collective

Painting with – Animal Collective

geologistpwcoverLa tavolozza dei colori sonici degli Animal Collective non si esaurisce mai. Uso saggio e pop dei sintetizzatori, percussioni ipnotiche quasi etno-folk con l’aggiunta di vocalizzi concentrici in un vortice psichedelico infinito. Prendete Beatles e Beach Boys, metteteli in una lavatrice di elettronica sperimentale e ascolterete brani come FloriDada, Lying In The Grass, Natural Selection The Burglars. Dichiarano di aver eliminato l’effetto del riverbero che ormai domina tutte le produzioni condizionandone la particolarità. Di sicuro in questo album più di altri confluiscono le fortunate esperienze soliste dei rispettivi  solo-projects Panda Bear e Avey Tare’s Slasher Flicks. In Hocus Pocus c’è anche la partecipazione di un dio della sperimentazione come John Cale, che recentemente ha registrato un disco con la loro etichetta Domino Records. Painting with è certamente un caleidoscopio di suoni come poteva essere un quadro astratto di Robert Delaunay e quindi è giusto sfruttare questo aspetto sinestetico con le moderne tecnologie come l’app gratuita Painting With che consente la pittura collaborativa in tempo reale tra due utenti durante l’ascolto di Lying in the Grass. Quale potrebbe essere la frontiera della sperimentazione elettronica e psichedelica di questi ultimi quindici anni? Senza alcun dubbio bisogna citare questo disco. Essendo un disco in continuo movimento, anche le copertine sono tre ed astratte.

Credits

Label: Domino records – 2016

Line-up: Avey Tare (David Portner; voce, chitarra, samples, percussioni) – Geologist (Brian Weitz; tastiere, samples, voce) – Panda Bear (Noah Lennox; voce, percussioni, samples, chitarra).

Tracklist:

  1. FloriDada
  2. Hocus Pocus
  3. Vertical
  4. Lying In The Grass
  5. The Burglars
  6. Natural Selection
  7. Bagels In Kiev
  8. On Delay
  9. Spilling Guts
  10. Summing The Wretch
  11. Golden Gal
  12. Recycling

Links:Sito ufficiale

Golden Gal – Video

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply